Contenuto sponsorizzato

Finisce sott’acqua con la canoa e sbatte la testa, Mario Mella muore nell’Avisio

È stato l’amico che ha assistito alla scena a lanciare l’allarme: Mella si è ribaltato con la canoa finendo sott’acqua e battendo la testa. Inutili i tentativi di rianimarlo il 73enne di Laives è deceduto sul posto

Foto d'archivio
Pubblicato il - 06 settembre 2020 - 08:48

CAVALESE. L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, 5 settembre, quando Mario Mella, 73enne di Laives, si è ribaltato con la sua canoa mentre stava percorrendo l’Avisio (QUI articolo). Il torrente infatti è molto noto tra gli appassionati di rafting e canyoning, e lo stesso Mella era conosciuto nell’ambiente come un canoista esperto.

 

Ieri però, qualcosa è andato storto il 73enne si trovava con un amico, anche lui originario di Laives, quando non è più riuscito a governare la canoa. È bastato un attimo, secondo quanto ricostruito Mella è finito sott’acqua battendo la testa, per poi essere trascinato dalla corrente.

 

L’amico che era con lui è riuscito a chiamare i soccorsi che sono intervenuti tempestivamente. Una volta individuata la canoa, tra la frazione di Molina di Fiemme e Cavalese, i soccorritori (arrivati in elicottero) sono riusciti a estrarre il 73enne dall’acqua.

 

Purtroppo però non c’è stato nulla da fare, nonostante i tentativi di rianimazione l’uomo non ha più ripreso conoscenza. Mella è rimasto troppo tempo sott’acqua e il medico non ha potuto fare altro che costatarne il decesso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 12:57

Il presidente del Mart Vittorio Sgarbi presenterà in conferenza stampa alla Camera un nuovo strumento tecnologico capace di fermare il virus sfruttando le particelle d'argento. "Membrana culture" è una pellicola che si può applicare alle superfici e che non necessita di interventi umani per essere sanificata. "Al museo di Rovereto la prima sperimentazione in Italia. Così i visitatori possono visitare in sicurezza"

30 novembre - 11:41

Dietro il furto e la successiva macellazione degli animali c’è la mano dell’uomo. L’allevatore della Val di Fiemme che ha subito il raid ha ritrovato le teste mozzate di tre capre a poca distanza dalla stalla

30 novembre - 12:39

L’allarme è scattato nella notte, l’impatto fra la moto e l’automobile è stato violentissimo. Luca Belgrado è morto sul colpo, troppo gravi le ferite riportate, inutili anche i tentativi di rianimarlo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato