Contenuto sponsorizzato

I sindacati del comparto sanità pronti a scendere nuovamente in piazza: ''La Pat deve coinvolgere i lavoratori nelle decisioni e assumere personale''

I promotori di questa mobilitazione sono la Cisl Fp, la Fenalt, Nursing up e Uil Fpl Sanità. Le parti sociali chiedono poi di rifinanziare e rinnovare il contratto di settore 2019/2021 e rispettare gli accordi presi

Pubblicato il - 28 luglio 2020 - 11:54

TRENTO. I sindacati del comparto sanità sono pronti a scendere in piazza per una manifestazione di protesta. L'appuntamento è per venerdì 4 settembre dalle 15.30 alle 17.30 sotto il palazzo della Regione Trentino Alto Adige.

 

I promotori di questa mobilitazione sono la Cisl Fp, la Fenalt, Nursing up e Uil Fpl Sanità. Le parti sociali chiedono adeguate assunzioni di personale per garantire il benessere organizzativo; rifinanziare e rinnovare il contratto di settore 2019/2021.

 

"E ancora - commenta Giuseppe Pallanch (Cisl Fp), Paolo Panebianco (Fenalt), Cesare Hoffer (Nursing up) e Giuseppe Varagone (Uil Fpl Sanità) - allargare l'attuale platea dei beneficiari del bonus Covid-19 nella sanità pubblica e quella privata. Un altro tema è quello del riconoscimento del tempo cambio divisa in ottemperanza del contratto nazionale del settore".

 

I sindacati Cisl Fp, Fenalt, Nursing up e Uil Fpl Sanita chiedono inoltre di essere coinvolti dalla Provincia nei processi di riorganizzazione ospedaliera e territoriale, anche a fronte delle mutate esigenze del sistema a causa del diffondersi dell'epidemia coronavirus.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato