Contenuto sponsorizzato

Incontro-scontro sui mercatini di Trento, la versione di Carollo: “È stato il Comandante Giacomoni a spingermi con forza”

Carollo avverte il comune di Trento: “Vi invito a presentare le vostre scuse formali, un vostro comunicato stampa di rettifica delle notizie false che sarebbero state da voi diffuse e a proporre opportuni rimedi ai danni arrecati al sottoscritto. Diversamente sarò costretto a far valere i miei diritti attraverso ogni mezzo legale”

Foto scattata prima dell'emergenza coronavirus
Pubblicato il - 30 maggio 2020 - 13:16

TRENTO. Ormai la notizia è di dominio pubblico, secondo una prima ricostruzione il noto dj e organizzatore di eventi Agostino Carollo, avrebbe messo le mani addosso al comandante della polizia locale di Trento Lino Giacomoni. È stato lo stesso sindaco del capoluogo Alessandro Andreatta a riportare: “Sono a conoscenza di quanto avvenuto. Ho sentito il dirigente e il comandante adesso sarà l'avvocatura a definire i passi successivi e come procedere una volta definita la questione”.

 

Carollo però non ci sta a passare dalla parte del torto ed è andato al contrattacco, dando la sua versione della vicenda: “Mercoledì 27 maggio 2020 verso le ore 15.45, previo appuntamento, ho incontrato il Giacomoni nella sala riunioni al 2° piano della sede della Polizia Municipale di Trento a proposito del rilascio della concessione di occupazione suolo pubblico per la manifestazione Mercatini d'Autunno e di Natale Trento 2020, chiesta il 27 novembre 2019 e non ancora rilasciata”.

 

La discussione sarebbe poi degenerata tanto che il dj avrebbe contatto i carabinieri “poiché Giacomoni non rispondeva alle mie domande”, la spiegazione. Secondo quanto sostenuto da Carollo ci sarebbero anche dei video in grado di confermare la sua ricostruzione: “Come si vede chiaramente nel video, è stato Comandante Giacomoni che, anziché attendere la pattuglia dei carabinieri il cui arrivo era stato confermato poco prima dalla Centrale Operativa, all’improvviso si è avvicinato a me che ero fermo ed appoggiato con la mia schiena alla parete in vetro della sala riunioni a oltre 3 metri di distanza da lui. È stato Giacomoni a spingermi con forza, mettendo il suo braccio sotto il mio mento e colpendomi con il suo polso al collo, facendomi quasi cadere”.

 

Carollo quindi, ritiene di essere la vittima anziché l’aggressore: “Il contatto fisico provocato da Giacomoni, in piena emergenza Covid-19, potrebbe anche avere compromesso la mia salute e pone a rischio quella dei miei familiari e dei miei collaboratori sul lavoro. Ciò mi ha costretto da mercoledì a prendere ulteriori precauzioni per evitare possibili contagi ostacolando di conseguenza la mia attività lavorativa e la mia vita famigliare, con gravissimo danno”.

 

Di qui la minaccia di intraprendere azioni legali, con Carollo che pretende “entro le 15 di oggi” le scuse formali dell’amministrazione e un comunicato stampa di rettifica delle notizie riporta dai giornali in questi giorni, oltre a proporre quelli che vengono definiti “opportuni rimedi” ai danni che il dj avrebbe subito. “Diversamente – conclude Carollo – sarò costretto a far valere i miei diritti attraverso ogni mezzo legale”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato