Contenuto sponsorizzato

Tragedia in valle Aurina, trasferito in psichiatria in stato di shock il 27enne che ha investito e ucciso 6 persone

Il 27enne alla guida dell'auto piombata a forte velocità sulla comitiva è Stefan Lechner, operaio in un piccolo centro vicino a Brunico e residente a Chienes in Val Pusteria. E' stato trasferito nel reparto di psichiatria per essere tenuto sotto osservazione. Appresa la gravità della situazione avrebbe ripetuto di volersi togliere la vita

Di L.A. - 05 January 2020 - 17:18

BOLZANO. E' in stato di shock e avrebbe ripetuto a più riprese di volersi uccidere l’automobilista che nella notte tra sabato 4 e domenica 5 gennaio ha causato il drammatico incidente stradale in Valle Aurina. Una tragedia nella quale sono rimasti uccisi sei ragazzi tedeschi tra i 20 e i 25 anni e sono state ferite altre undici persone, quattro in gravissime condizioni.

 

Il 27enne alla guida dell'auto piombata a forte velocità sulla comitiva è Stefan Lechner, operaio in un piccolo centro vicino a Brunico e residente a Chienes in Val Pusteria. E' stato trasferito nel reparto di psichiatria per essere tenuto sotto osservazione. Una volta appresa la gravità dei fatti dagli inquirenti che l'hanno posto in stato di arresto con le accuse di omicidio stradale e lesioni stradali gravissime, avrebbe detto più volte di volerla fare finita.

 

I primi controlli sul tasso alcolemico del classe 1992 hanno evidenziato valori di 1,95 grammi di alcol/litro, quattro volte oltre i limiti di legge. Risultati che se confermati potrebbero peggiorare ulteriormente la sua situazione. Secondo le prime ricostruzioni della tragedia, la comitiva di tedeschi era appena rientrata da una serata in un locale di Cadipietra. 

 

Appena scesi dall'autobus a poca distanza dall'hotel, sono stati falciati dal veicolo arrivato a forte velocità. Alle 1.15 è stata allarmata la prima unità di soccorso della Croce Bianca della Valle Aurina, quindi successivamente sono state attività tutte le unità della zona.

 

Un dispiegamento di forze importante per far fronte all'emergenza, oltre 160 soccorritori sul posto: 17 ambulanze della Croce cianca provenienti dalla Valle Aurina, da Brunico, Rio Pusteria, Vipiteno e Bolzano8 medici della medicina di emergenza dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige, provenienti da Brunico, San Candido, Vipiteno e Bolzano compreso personale medico dell’Aiut Alpin e del corpo permanente dei vigili del fuoco.

 

In azione 50 sanitari, 8 persone appartenenti alla squadra di pronto intervento per elevato numero di feriti della Croce bianca e la squadra di pronto intervento della Croce rossa, 11 psicologi dell’emergenza della Croce Bianca e 3 dell’azienda sanitaria. Sono intervenuti l’elicottero di soccorso dell’Aiut Alpin Dolomites, il Soccorso alpino di San Giovanni in Valle Aurina, i Carabinieri e, con 60 persone, i vigili del fuoco volontari di Lutago, San Giovanni e Cadipietra.

 

Le vittime (tre donne e tre uomini dai 20 ai 25 anni) sono tutte di nazionalità tedesca, quattro della Renania settentrionale-Vestfalia e altre due di Colonia.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 ottobre - 20:33
L'assessore all'Istruzione della Provincia di Trento spiega: "In Trentino partiamo con il dire che abbiamo una situazione meno marcata rispetto [...]
Cronaca
19 ottobre - 20:51
Mentre nei Paesi più poveri del mondo le dosi continuano a scarseggiare, in Italia, dove i vaccini non mancano, sono molte le persone a [...]
Politica
19 ottobre - 19:57
La discussione si è accesa sulla dichiarazione di inammissibilità di alcuni emendamenti di Alex Marini e sulla non volontà di Masè di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato