Contenuto sponsorizzato

VIDEO. Coronavirus, Zaia contro i gilet arancioni: "Negare il coronavirus è come negare la Shoah, serve una legge contro chi nasconde l'evidenza''

L'intervento del governatore veneto contro chi in questi giorni ha negato addirittura l'esistenza del virus. "C'è un limite oltre il quale non si può andare"

Pubblicato il - 01 giugno 2020 - 11:08

VERONA. “E' ora di finirla, ci possono essere persone che perdono la vita per informazioni sbagliate. Io dico che bisognerebbe fare una legge severa contro chi nega l’evidenza”.

 

A dirlo è stato il governatore veneto Luca Zaia ad “Agorà” rispondendo a una domanda su chi sostiene che il coronavirus non esiste. “Io sono per la libertà di pensiero, ma c'è un limite oltre il quale non si può andare” ha proseguito Zaia. “Chi nega cose come i campi di concentramento o la Shoah commette un reato, punto”. 

 

Il riferimento sono le manifestazioni  fatte nell'ultimo fine settimana dai gilet arancioni in diverse città che tra gli slogan avevano anche quello del "virus non esiste". 

 

Ecco l'intervento di Zaia

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 18:37

Grigliata al parco dal retrogusto amaro per 25 giovani che sono stati sanzionati dai carabinieri per non aver osservato i Dpcm. Chiusa per 5 giorni e multata anche una gelateria che non rispettava le norme anti-Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato