Contenuto sponsorizzato

Busta paga più pesante per i consiglieri trentini, i sindacati: ''Uno schiaffo a quanti hanno sofferto in questo anno di pandemia senza un lavoro o con riduzione del reddito''

“Le buste paga di agosto dei consiglieri regionali, con l’adeguamento automatico delle indennità, offendono tutti i lavoratori e pensionati trentini" spiegano Cgil Cisl e Uil. "Sconcerta constatare inoltre come non ci sia alcuna volontà di riformare il sistema in modo equo"

Pubblicato il - 26 settembre 2021 - 14:14

TRENTO. “Buste paga che offendono lavoratori e pensionati” questo il commento che arriva dai sindacati Cgil Cisl Uil dopo la notizie dell'arrivo delle somme sui conti correnti dei consiglieri regionali e che riguardano le nuove indennità frutto di quello che è stato già definito da molti come un “adeguamento automatico” inaccettabile.

 

“Le buste paga di agosto dei consiglieri regionali, con l’adeguamento automatico delle indennità, offendono tutti i lavoratori e pensionati trentini. Le cifre parlano chiaro: non solo sono somme fuori dalla realtà per la totalità dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, ma sgombrano il campo da ogni ipocrita difesa di un provvedimento che per quanto ci riguarda resta inaccettabile e sconcertante”. Cgil Cisl Uil ribadiscono la loro posizione di fronte all’emendamento votato da Svp e Lega nel luglio scorso che ha sbloccato gli arretrati legati all’adeguamento Istat e introdotto un sistema di aumenti automatici che non esiste in nessun contratto di lavoro.

 

“Abbiamo sempre sostenuto che chi svolge un ruolo istituzionale per la collettività debba essere adeguatamente remunerato – rimarcano Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -. Qui però non si parla di adeguata remunerazione del ruolo politico, ma di privilegio che è uno schiaffo a quanti, moltissimi, hanno sofferto in questo anno di pandemia per la mancanza di lavoro, per la riduzione dei loro redditi, per la cassa integrazione”.

Cgil Cisl Uil hanno sempre sostenuto la necessità di trovare un meccanismo equo per le indennità dei consiglieri, ancorando gli aumenti alla media dei rinnovi contrattuali. Adesso, invece, non solo gli aumenti sono automatici, ma sono indicizzati alla media dell’inflazione Istat di Trento e Bolzano, tra le più alte d’Italia.

“Sconcerta constatare inoltre come non ci sia alcuna volontà di riformare il sistema in modo equo, visto che i due disegni di legge giacenti in commissione regionale da tempo sono stati dirottati su un binario morto per volere della maggioranza. Questi fatti si commentano da soli”, concludono con amarezza i tre segretari provinciali.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 ottobre - 19:35
Il problema dell'anomala usura delle ruote dei treni sulla linea della Valsugana riscontrato circa 2 mesi fa si è risolto da solo. Roberto [...]
Cronaca
26 ottobre - 20:01
Trovati 56 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 14 guarigioni. Sono 13 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in terapia [...]
Politica
26 ottobre - 18:51
La proposta dell’impresa Mak, le rassicurazioni di Fugatti smentite da vecchie mail, sono tanti i dubbi attorno al progetto per il nuovo ospedale [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato