Contenuto sponsorizzato

Chiusura del Trentino, tantissime firme per dire ''grazie'' a giornalisti, collaboratori e fotografi

Quanto messo in atto una settimana fa dall'editore Ebner non ha lasciato indifferente il territorio, spaventato e sdegnato per l'atteggiamento padronale mai visto prima. Sono decine i giornalisti degli uffici stampa che hanno deciso di firmare un appello di solidarietà ai colleghi rimasti senza lavoro dalla mattina alla sera

Di Luca Pianesi - 22 gennaio 2021 - 17:16

TRENTO. ''Grazie alle giornaliste, ai giornalisti, alle collaboratrici, ai collaboratori, ai fotografi e ai dipendenti del quotidiano Trentino. Grazie per l'ascolto, per il dialogo e la collaborazione di questi anni. Grazie per avere dedicato attenzione, spazio, competenza ed energie alle segnalazioni, alle storie, alle notizie che vi abbiamo proposto di raccontare''. E' firmato da decine di giornalisti degli uffici stampa dei più disparati enti, associazioni, uffici il messaggio di solidarietà rivolto a tutti quei lavoratori che per anni hanno arricchito il patrimonio informativo e culturale locale contribuendo alla realizzazione del quotidiano il Trentino.

 

Com'è noto una settimana fa, d'imperio, con un comportamento degno di un padrone di fabbrica di metà Ottocento, l'editore altoatesino Michl Ebner ha chiuso, dopo 75 anni di storia, il quotidiano di via Sanseverino spegnendo la luce a una parte di mondo dell'editoria provinciale e aprendo una ferita dolorosissima al sistema locale scopertosi, dalla mattina alla sera, fragile e impreparato e incapace di rispondere a un'azione tanto violenta quanto priva di scrupoli. Un'operazione non degna dell'epoca in cui viviamo e del Paese democratico in cui siamo che gli stessi sindacati hanno commentato, ieri, dopo il confronto con la proprietà parlando di ''reiterate violazioni contrattuali e di legge che potrebbero configurare plurimi comportamenti antisindacali sui quali azienda e Fieg hanno glissato, ritenendoli orpelli inutili che non modificano in alcun modo la decisione di cessazione dell‘attività del Trentino e la contestuale sospensione dell‘organico redazionale, violazioni che saranno poste all’attenzione nelle sedi deputate''.

 

Quanto accaduto ai giornalisti, ai collaboratori e ai fotografi del Trentino spaventa il territorio e non ha lasciato, per fortuna, probabilmente al contrario di quanto qualcuno avrebbe voluto immaginando che sarebbe calato il silenzio sulla vicenda visto che anche l'altro principale giornale cartaceo locale è in mano alla stessa proprietà, indifferente la comunità. La prova sono le decine di firme di colleghe e colleghi degli uffici stampa (alle quali, simbolicamente aggiungiamo le nostre di tutto il Dolomiti) che hanno sottoscritto questo appello. 

 

Grazie alle giornaliste, ai giornalisti, alle collaboratrici, ai collaboratori, ai fotografi e ai dipendenti del quotidiano Trentino.
Grazie per l'ascolto, per il dialogo e la collaborazione di questi anni.
Grazie per avere dedicato attenzione, spazio, competenza ed energie alle segnalazioni, alle storie, alle notizie che vi abbiamo proposto di raccontare.
Il vostro contributo di professionalità e passione è stato e rimane prezioso e irrinunciabile.
La chiusura del giornale impoverisce l'informazione, la democrazia, tutte e tutti noi. 
Con l'auspicio di tornare a collaborare, di nuovo, al più presto, vi esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza.
Le vostre colleghe e i vostri colleghi degli uffici stampa

Lorenzo Andreatta

Lorenzo Basso

Federica Bellicanta

Claudia Beretta

Pietro Bertanza

Elisabetta Brunelli

Andrea Bergamo
Silvia Bruno

Andrea Cagol
Susanna Caldonazzi

Antonia Caola

Alessandro Casagrande

Monica Casata

Silvia Ceschini

Claudio Chiarani

Martina Chiarani

Roberta Corazza
Serena Dalla Torre

Diego Decarli

Lara Deflorian
Martina Dei Cas

Franco Delli Guanti

Pier Francesco Fedrizzi

Walter Filagrana

Stefano Frigo

Monica Gabrielli
Silvia Gadotti

Laura Galassi

Tommaso Gasperotti

Claudia Gelmi

Alessandro Girardi
Marianna Giuliano

Walter Liber

Marzia Lucianer

Viviana Lupi

Susanna Sara Mandice

Francesco Marcovecchio

Camilla Martinelli

Silvia Meacci

Paolo Milani
Davide Modena

Diego Nart

Alessia Negriolli

Walter Nicoletti

Enrico Paissan

Sara Perugini

Marco Nicolò Perinelli

Dirce Pradella

Linda Pisani

Marco Pontoni
Donatella Plotegher

Francesca Re

Lorenzo Rotondi
Alessandra Saletti

Massimiliano Scapin

Lorenzo Sighel

Fausta Slanzi

Arianna Tamburini

Walter Taufer

Elisa Tessaro

Veronica Tretter

Chiara Veronesi

Luca Zanin

Cinzia Zeni

Gianna Zortea

Tristano Scarpetta

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato