Contenuto sponsorizzato

Coniugi scomparsi, il figlio è indagato: trovato del sangue in macchina e sul ponte a Vadena

Le indagini stanno andando avanti. Tracce di sangue, che secondo le analisi sarebbero proprio di Peter Neumair, sarebbero state trovate sul ponte di Vadena. Proprio da quel punto, secondo gli inquirenti, sarebbero stati gettati i due corpi del fiume

Pubblicato il - 20 January 2021 - 08:06

BOLZANO. Uccisi e gettati nel fiume. Potrebbe essere un conflitto famigliare all'origine di quello che all'inizio di gennaio sarebbe successo ai coniugi Laura Perselli e Peter Neumair.

 

Al momento le ipotesi accusatorie nei confronti del figlio sono quelle di duplice omicidio e di occultamento di cadavere e con il passare delle ore gli investigatori stanno trovando nuove prove. Tra queste il sangue che sarebbe proprio del padre.

 

Sarebbero state, infatti, trovate delle macchie di sangue sul parapetto del ponte che attraversa l'Adige nel comune di Vadena. Piccole gocce che analizzate successivamente corrisponderebbero al Dna di Peter Neumair. Questo elemento, secondo gli investigatori, farebbe pensare che i due coniugi sono stati uccisi e poi i loro corpi gettati nelle acque dell'Adige. Altre tracce di sangue sarebbero state trovate nell'auto dei due coniugi e sono state inviate ai laboratori per ulteriori analisi. Oltre a questo, sono state ritrovate anche gocce di acqua ossigenata che per gli inquirenti sarebbe stata usata per far sparire le prove.

 

Questi elementi nelle scorse ore hanno portato ad una accelerazione all'inchiesta con l'iscrizione nel registro degli indagati del figlio Benno Neumair, la casa e anche l'auto poste sotto sequestro.

 

Sulle tracce di sangue ritrovate sul ponte a Vadena si stanno portando avanti le indagini per ricostruire esattamente cosa possa essere successo. Il figlio nelle scorse ore ha raccontato agli inquirenti di essersi recato in quella zona la notte tra il 4 e il 5 gennaio per rilassarsi un po'. Il sospetto è che proprio in quel momento i corpi siano stati gettati nelle acque gelide dell'Adige.

 

Gli avvocati del giovane, intanto, ieri hanno parlato di "Ricostruzione fantasiosa". Nella serata di ieri è stata perquisita, a Ora, la casa della fidanzata di Benno Neumair.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 March - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato