Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nuova ordinanza di Fugatti: da domani il ritorno in presenza al 50% degli studenti delle superiori

Il presidente della Provincia, a seguito di contatti avuti ieri con i ministri Boccia e Speranza, ha firmato l'ordinanza per la riapertura anticipata rispetto a quanto stabilito dal decreto-legge promulgato dal Consiglio dei Ministri

Pubblicato il - 06 January 2021 - 13:20

TRENTO. Come annunciato nelle scorse ore è arrivata la nuova ordinanza del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, per la ripresa, a partire da domani dell'attività didattica alle superiori.

 

Il rientro, pianificato nel corso dei giorni scorsi con la collaborazione tra i Dipartimenti istruzione, sanità e trasporti della Provincia autonoma di Trento e il Commissariato del Governo, era già stato annunciato nel corso della conferenza stampa di ieri pomeriggio.

 

Con l’ordinanza del presidente Fugatti si conferma la riapertura anticipata rispetto a quanto stabilito dal decreto-legge promulgato dal Consiglio dei Ministri

 

Ecco la nuova ordinanza:

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 16:19

La risposta di piazza Dante a istituire una commissione d'indagine potrebbe arrivare tra una settimana, le minoranze attendono un'informativa dalla Provincia per un aggiornamento dell'emergenza Covid-19. In questa sede la Giunta Fugatti si dovrebbe pronunciare sulla volontà di acconsentire a procedere in questo senso

26 January - 15:08

Le minoranze proprio questo pomeriggio hanno presentato una mozione per chiedere la creazione di una commissione d'indagine per verificare il tasso di effettiva diffusione del virus Covid-19 sul territorio Trentino, le modalità del suo monitoraggio e le azioni adottate per la sua gestione

26 January - 13:34

Bolzano fa un passo indietro dopo la mancata accettazione della classificazione del Cts e l'inserimento a livello europeo nella "zona rosso scuro". Pronta una nuova ordinanza che introduce restrizioni da domenica 31 gennaio. Kompatscher: "Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato