Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, prorogato fino al 27 marzo il divieto di spostamento tra Regioni

Il Consiglio dei Ministri, riunito nella mattinata di lunedì 22 febbraio, ha deciso la proroga della misura che proibisce lo spostamento tra Regioni e Province autonome se non per ragioni di salute, lavoro e necessità

Pubblicato il - 22 febbraio 2021 - 12:16

TRENTO. Prorogato il divieto di spostamento fra le Regioni. Il Consiglio dei ministri, riunito in mattinata di lunedì 22 febbraio, ha infatti dato il via libera ad una misura che era nell'aria da giorni. Niente spostamenti, se non per motivi di lavoro, salute e necessità, tra i territori delle Regioni e delle Provincie autonome fino al 27 marzo.

 

Tra le poche deroghe concesse c'è la possibilità di rientrare alla propria residenza, al proprio domicilio o alla propria abitazione. La misura, che sarebbe dovuta scadere in settimana, il 25 febbraio, è stata pertanto prorogata per altri 30 giorni, in un quadro nazionale dove preoccupano le singole situazioni di varianti del virus emerse nelle operazioni di sequenziamento.

 

Gli spostamenti sono uno dei primi difficili nodi da sciogliere per il nuovo esecutivo, considerando che il 5 marzo scadrà infatti il Dpcm attualmente in vigore. Da parte dei governatori, riuniti ancora nei giorni scorsi nella Conferenza tra Regioni e Province autonome, la richiesta è di chiarire le indicazioni, rivedendo i parametri e permettendo così di dare informazioni più chiare ai cittadini.

 

Tra le altre misure prorogate c'è anche quella che riguarda il limite agli spostamenti verso le abitazioni private, permesse solo a 2 adulti con in più solo i figli minori di 14 anni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:53
Sono 226 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 67 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
04 marzo - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato