Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, si aggrava il focolaio all'Ospedale di Auronzo: positivi il 70% dei pazienti. La sindaca: ''Siamo tutti stanchi e provati ma serve un ulteriore sforzo''

Tre degli 11 pazienti positivi sono stati trasferiti a Belluno. Salgono a tre gli operatori sanitari contagiati. L'appello della sindaca: ''Vista la situazione sanitaria attuale e la permanenza della zona rossa fino a martedì, invito tutti voi a mantenere sempre la massima attenzione e a rispettare sempre le norme anti contagio''

Di L.P. - 03 April 2021 - 13:13

AURONZO. Si aggrava la situazione nell'ospedale di Auronzo dove negli scorsi giorni il virus è riuscito a fare breccia anche perché all'interno operavano dei sanitari non vaccinati (in particolare due Oss, oggi diventati tre, scoperti positivi: si sta cercando di capire perché non fossero stati vaccinati e se fosse stata una loro scelta quella di non immunizzarsi). Se il primo aprile erano 9 i pazienti positivi e 2 gli operatori sociosanitari oggi emerge che i pazienti contagiati sono diventati 11 e gli operatori sono saliti a 3.

 

Dunque al momento ci sono solo 5 pazienti non contagiati nell'ospedale di comunità di Auronzo (circa il 30% degli ospiti) mentre tre dei positivi sono stati trasferiti a Belluno per le loro condizioni che si sono aggravate.

 

''Ieri ho ricevuto la telefonata del direttore sanitario dell'Ulss1 Dolomiti dottoressa Maria Grazia Carraro che mi ha voluto aggiornare personalmente sulla situazione del focolaio Covid all'Ospedale di comunità di Auronzo - commenta la sindaca di Auronzo Tatiana Pais Becher - che si sta aggravando: sono ora 11 i pazienti positivi su un totale di 16 e 3 gli operatori positivi; inoltre 3 degli 11 pazienti sono stati purtroppo ricoverati a Belluno. Per quanto riguarda invece i cittadini positivi nel Comune di Auronzo di Cadore al momento sono 5 le persone interessate, per lo più appartenenti a diversi nuclei familiari''.

 

La sindaca, quindi, vista la situazione ha deciso di fare un nuovo appello alla cittadinanza: ''Vista la situazione sanitaria attuale e la permanenza della zona rossa fino a martedì, invito tutti voi a mantenere sempre la massima attenzione e a rispettare sempre le norme anti contagio: indossate la mascherina, igienizzate le mani, mantenete la distanza di sicurezza, evitate gli assembramenti. Sono consapevole che siamo tutti stanchi e provati da questa situazione, ma serve un ulteriore sforzo, soprattutto perché, rispetto all’anno scorso, ora c’è il vaccino''.

 

E infatti la prima cittadina comunica anche che l'amministrazione comunale ha messo a disposizione dell'Ulss1 la palestra Pala Tre Cime per effettuare le vaccinazioni dei cittadini compresi nella fascia di età tra i 70 e i 79 anni. ''I medici di base hanno già aderito all'iniziativa - spiega - e le date ci verranno comunicate dall'Ulss1 non appena la disponibilità di vaccini permetterà di effettuare le vaccinazioni. Un augurio di pronta guarigione ai nostri concittadini ricoverati a Belluno e un sentito ringraziamento ai medici, infermieri e operatori sanitari che stanno combattendo giorno e notte per sconfiggere il virus, dando prova di grande professionalità, impegno e coraggio''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Cronaca
23 maggio - 17:44
Secondo una prima ricostruzione l’uomo alla guida di un’Alfa che stava procedendo in direzione sud, verso Rovereto, non si è fermato a un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato