Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, soluzione fisiologica al posto del vaccino: l’incredibile errore compiuto durante la campagna vaccinale trentina

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Foto d'archivio
Di Tiziano Grottolo - 22 gennaio 2021 - 05:01

TRENTO. Dopo l’arbitraria decisione dell’azienda farmaceutica Pfizer che ha imposto un taglio alle forniture di vaccini (il Trentino è il territorio più penalizzato con un ammanco del 60%) per l’Azienda sanitaria arriva un’altra grana, questa volta però lo sbaglio è tutto trentino. L’incredibile errore è avvenuto durante la campagna per la somministrazione dei vaccini, ad alcuni sanitari infatti, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata una semplice soluzione fisiologica.

 

Per questo l’Apss è dovuta correre ai ripari richiamando i sanitari che sono stati sottoposti alla vaccinazione in alcuni giorni specifici (sicuramente il 15 gennaio), per loro sarà necessario effettuare un test sierologico che dovrà stabilire chi ha ricevuto effettivamente la dose di vaccino e chi la soluzione fisiologica. Coloro che risulteranno positivi al test potranno sottoporsi al richiamo mentre agli altri sarà somministrata la prima dose vaccinale.

 

Per tutto il pomeriggio, fino a sera, Il Dolomiti ha cercato di mettersi in contatto con i vertici dell’Azienda sanitaria per avere un commento ufficiale della situazione e per capire l’entità dell’errore, ma non è stato possibile parlare con nessuno. Pertanto non è possibile sapere (ma probabilmente nemmeno l’Apss lo sa con certezza, altrimenti non sarebbe necessario sottoporre i sanitari al test sierologico) quante siano le persone coinvolte.

 

Partendo dal presupposto che alcuni dei sanitari contatti da Apss erano stati sottoposti alla vaccinazione lo scorso 15 gennaio possiamo dire che quel giorno furono 684 le dosi somministrate (di cui 205 agli ospiti delle Rsa). Va precisato che non è ancora stato accertato se tutte le dosi somministrate quel giorno siano state scambiate con una soluzione fisiologica, inoltre resta da capire se l’errore sia stato ripetuto in più date o se si sia verificato solo il 15 gennaio. Domande che per il momento restano senza risposta. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 settembre - 16:16
Salgono a 22 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale dove ieri ci sono stati 2 nuovi ingressi e 1 dimissione: in rianimazione rimangono [...]
Cronaca
24 settembre - 17:13
Il lancio col parapendio di un francese classe 1991 è finito con uno schianto sulla parete sud della Marmolada, dove l'uomo è rimasto bloccato in [...]
Politica
23 settembre - 23:25
A Ville d'Anaunia è già presente un campo di tamburello, ultimato nel 2018. C'è l'ipotesi di costruire un'altra struttura nell'area del Parco [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato