Contenuto sponsorizzato

Scappati dalla guerra i bambini ucraini tornano a giocare a calcio. Il dirigente: ''Hanno dimostrato tanta passione e gratitudine, avevo le lacrime agli occhi''

E' la storia di sette ragazzini arrivati dall'Ucraina ed accolti a Belluno.  Ad accoglierli la SSD Dolomiti Bellunesi. Il responsabile del settore giovanile Massimo Agnello: "Un sogno, quello di rincorrere un pallone, che continuerà nel nostro territorio. E noi ne siamo orgogliosi"

Di G.Fin - 15 April 2022 - 08:42

BELLUNO. Giocavano a calcio non lontano dalla loro abitazione prima che la guerra distruggesse la loro passione, i loro progetti. Ora però ad aiutarli a non dimenticare i loro sogni ci ha pensato la SSD Dolomiti Bellunesi.

 

E' la storia di sette ragazzini arrivati dall'Ucraina ed accolti a Belluno. Hanno tutti tra i 5 e gli 11 anni ed ora potranno continuare a giocare a calcio perché la società dolomitica ha deciso di accoglierli nei giorni scorsi: uno di loro, un po’ più grandicello, è aggregato con i Giovanissimi dell’Academy, gli altri saranno impegnati nell’attività di base, tra Sedico e il Boscherai di Pedavena.

 

L'abbraccio di una squadra di squadra di calcio. “Abbiamo dato la nostra disponibilità alle istituzioni comunali, ai vari enti e alle associazioni che gestiscono l’arrivo dei profughi ucraini - spiega il responsabile del settore giovanile, Massimo Agnello -. Questi bambini giocavano a calcio a un passo da casa, prima che i venti di guerra spazzassero via i loro progetti”. Ma non il loro sogno: “Un sogno, quello di rincorrere un pallone, che continuerà nel nostro territorio. E noi ne siamo orgogliosi - prosegue Agnello -. Quando li ho incontrati, mi sono emozionato. Sono riusciti a trasmettermi una passione, una voglia e una gratitudine difficili da spiegare a parole. Avevo le lacrime agli occhi”.

 

Una bella opportunità, quindi. E non solo per i ragazzi originari dell’Est Europa: “Anche per i nostri giovani, che toccheranno con mano la ricchezza di uno scambio interculturale, oltre al valore dell’accoglienza e della condivisione. Questa - conclude il responsabile del settore giovanile dolomitico - è la vera essenza dello sport”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 giugno - 11:11
Gli esperti di Meteotrentino confermano che tra oggi e domani (lunedì 27 giugno) le condizioni rimarranno sostanzialmente stabili sul territorio [...]
Cronaca
26 giugno - 11:58
Lo scontro è stato molto violento, l’automobile è stata colpita su un fianco. Le conseguenze più gravi sono per il motociclista, disarcionato [...]
Montagna
26 giugno - 11:16
Attualmente F43 si trova in una zona compresa tra Campi (di Riva del Garda), Ville del Monte e il comune di Tenno, a pochi chilometri di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato