Contenuto sponsorizzato

Visite specialistiche e ritardi nei codici di priorità, servono fino a 56 giorni per avere un Rao C. Segnana: "Impennata di richieste per forzare le liste di attesa"

Segnana ha fornito i dati sui maggiori tempi di attesa riscontrati tra gennaio e il 26 giugno 2022 per le prestazioni prenotate ed erogate con codici priorità Rao A, B e C. In tutto le prenotazioni sono state 85.967. Nel 2021 rispetto al 2020 sono aumentate del 20% le richieste con codice Rao a elevata priorità

Di Francesca Cristoforetti - 28 giugno 2022 - 18:23

TRENTO. Che si siano allungati i tempi delle liste di attesa per le visite specialistiche in Trentino non è una novità, anche per le prestazioni prenotate ed erogate con codici priorità. Da gennaio al 26 giugno 2022 si parla di 5 giorni rispetto al tempo di attesa mediano di un giorno per le Rao A (7.857 prenotazioni); 24 giorni rispetto ai 5 giorni in media per le Rao B (38.216 prenotazioni); 56 giorni rispetto ai 18 per le Rao C (39.894 prenotazioni). Per un totale di 85.967 prenotazioni Rao.


Sono stati questi i dati forniti dall'assessora Stefania Segnana in Consiglio provinciale, a seguito di un'interrogazione a risposta immediata del consigliere del Pd Luca Zeni che ha chiesto di avere l’elenco completo dei tempi di attesa per le prestazioni specialistiche ambulatoriali, sia con che senza Rao, dopo le molte segnalazioni dei cittadini che lamentano difficoltà e tempi lunghi per la prenotazione di visite specialistiche.

 

"A seguito della pandemia - ha risposto Segnana - che ha manifestato i suoi effetti sulle prestazioni specialistiche ambulatoriali nel marzo 2022, sono state osservate alcune oscillazioni che hanno determinato una riduzione del prenotato".

 

Nel 2021 rispetto al 2020 c'è stato un incremento delle prenotazioni sia in Servizio sanitario nazionale sia in libera professione intramoenia. Tuttavia complessivamente in numero inferiore rispetto al 2019: in totale sono state 136.758 le prenotazioni in meno in Ssn e 5.644 in meno in libera professione intramoenia (nel 2021 rispetto al 2019).

 

Nel 2018 e nel 2019 il totale delle prenotazioni con codici Rao è stato rispettivamente di 152.332 e di 167.477, con un aumento del 10% dell’uso di codici ad elevata priorità tra il 2018 e il 2019, il che ha reso più complessa la gestione del livello di garanzia, soprattutto per i casi con richiesta Rao B.

 

Nel 2020 per la carenza di risorse interne e la riduzione dell’offerta ospedaliera e della specialistica ambulatoriale interna correlate alla pandemia, è stata osservata rispetto al 2019 una ulteriore difficoltà ad assicurare i livelli di garanzia entro i limiti massimi di 3, 10, 30 giorni nel 90% dei casi. Nel 2021 rispetto al 2020 è stato osservato un nuovo aumento delle richieste con codice Rao a elevata priorità (+20%).

 

Inoltre è stato registrata dal 2020 in poi rispetto agli anni precedenti una riduzione della concordanza sul tempo di attesa fra prescrittore e specialista, il che fa presumere una impennata di richieste a elevala priorità non per motivi di diagnosi differenziale ma per forzare le liste di attesa a seguito delle attese generatesi durante la pandemia.

 

Questo problema all'interno della sanità trentina era già stato segnalato dal presidente dell'Ordine dei medici chirurgi e odontoiatri di Trento, Marco Ioppi: "La sofferenza generalizzata - sosteneva - non solo dovuta al Covid ma soprattutto per la carenza di personale, si riflette nei tempi d'attesa delle visite" (Qui l'articolo). 

 

Sul piano di recupero delle liste di attesa approvate nelle diverse edizioni dal Ministero della salute (il più recente è del 23 giugno scorso), ha concluso Segnana, "l’Apss sta intervenendo con più strumenti gestionali grazie anche a specifici finanziamenti, prestazioni orarie aggiuntive, assunzione di specialisti, strutture accreditate convenzionate". Secondo l'assessora, nel confronto con le istituzioni centrali il Piano per il recupero delle liste di attesa della Provincia è stato giudicato fra i migliori presentati in sede di confronto nazionale.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 30 settembre 2022
Telegiornale
30 set 2022 - ore 22:49
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 ottobre - 19:47
L'assessore provinciale e leader de La Civica, Mattia Gottardi, sulle fibrillazioni: "Nessuna tensione, succede dopo ogni elezione". E su Mario [...]
Cronaca
02 ottobre - 20:08
Lettera di Anna Raffaelli (già consigliera comunale e componente della Commissione Sport del Comune di Trento) e Lally Salvetti [...]
Cronaca
02 ottobre - 18:59
E' successo al campo sportivo di Ala a un ragazzino di 13 anni. La piattaforma in plexiglas si sarebbe rotta e lui sarebbe caduto da un'altezza di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato