Contenuto sponsorizzato

Il trentino Andrea Pallaoro candidato con Hannah ai César (gli Oscar francesi)

L'opera diretta dal giovane trentino concorrerà come miglior pellicola straniera e se la vedrà con film come Tre manifesti a Ebbing, Cold War e Un affare di famiglia

Pubblicato il - 23 gennaio 2019 - 19:34

TRENTO. C'è anche il trentino Andrea Pallaoro tra i candidati agli Oscar francesi, i César con il suo film Hannah quale miglior film straniero. In un grande ristorante degli Champs-Elysée, oggi, infatti, si è tenuta la conferenza-stampa in cui l’Académie des arts et techniques du cinéma ha rivelato le candidature ai César 2019.

 

E nella sezione film stranieri ecco spuntare Hannah, secondo lungometraggio del giovane regista trentino Andrea Pallaoro. La pellicola, che aveva vinto la Coppa Volpi per la magistrale interpretazione di Charlotte Ramping aveva strappato appalusi alla 74ª Mostra del Cinema di Venezia (QUI ARTICOLO). L’opera italiana se la vedrà con film del calibro di Tre manifesti a Ebbing, MissouriCapharnaüm, Girl, Our Struggles, Cold War e Un affare di famiglia (questi ultimi due candidati anche all’Oscar 2019 per miglior film straniero).

 

 

La cerimonia di premiazione avrà luogo il prossimo 22 febbraio e sarà condotta dall’attrice franco-britannica Kristin Scott Thomas. A Robert Redford sarà consegnato il César d’onore. Per quanto riguarda le altre candidature guidano con 10 candidature ciascuno ''L’affido – Una storia di violenza'' (Jusqu’à la garde) di Xavier Legrand e ''7 uomini a mollo'' (Le grand Bain) di Gilles Lelouche. Seguono con 9 nomination ''En liberté!'' di Pierre Salvadori e ''The Sisters Brothers'' di Jacques Audiard, mentre ''La douleur'' di Emmanuel Finkiel ne ottiene 8.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 aprile - 12:03

Ieri la scoperta della polizia locale oggi emergono i dettagli dell'inchiesta: una ditta dell'Alta Valsugana aveva messo in piedi questo macabro business. I resti provenivano da cimiteri del Veneto

18 aprile - 06:01

Il critico d'arte sull'incendio: ''Tanti cantori di sventure pieni di dolore e sgomento per una cosa triste, ma fisiologica''. Sul palazzo delle Albere: ''Fondamentale riabilitarlo''

18 aprile - 07:27

Si tratta dei lavoratori che si occupavano dei pasti della residenza Fersina che restano a casa con la cessione dell'appalto di Dussman

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato