Contenuto sponsorizzato

Vigiliane, i Gobj vanno ko, i Ciusi si prendono la polenta e fanno festa

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei

Di Giuseppe Fin e Luca Andreazza - 26 giugno 2019 - 22:13

TRENTO. La polenta è dei Ciusi. I Gobj vanno ko nei quaranta secondi di assalto finale. Nonostante i ranghi compatti, arriva il blitz dei giallorossi a irrompere nel cerchio grigio.

Questo il risultato della disfida nella splendida cornice di piazza Fiera, i trentini non riescono a proteggere il paiolo. E' la sedicesima affermazione dei Ciusi, mentre i Gobj guidano a diciannove successi.

 

Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio, la Disfida regala ancora un grande spettacolo prima dei fuochi d'artificio a chiudere la kermesse numero trentasei.

Le classiche sfide della prova di "tiro alla fune" e "corsa con i sacchi" scaldano l'atmosfera. E' un pareggio: i Gobj si aggiudicano la prima, mentre i Ciusi la seconda. 

Poi è tempo delle "scaramucce" per guadagnare ulteriori vantaggi prima di entrare nel vivo: i Gobj a difendere il paiolo e i Ciusi a cercare di conquistare la polenta.  

La contesa rappresenta la rievocazione storica di un episodio accaduto nel VI secolo, successivamente ripreso e rappresentato in modi e forme diverse fino alla metà del XIX secolo.

Dimenticata per oltre un secolo la Mascherada è stata rilanciata dal Comune di Trento dal 1984 con la collaborazione della 'Confraternita dei Ciusi e dei Gobj', gruppo folkloristico costituitosi autonomamente nel marzo 1989 (Qui articolo) e che si è recentemente evoluta nella Pro loco centro storico Trento (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 20:12

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.355 i guariti da inizio emergenza e 558 gli attuali positivi

22 settembre - 21:05

Il Partito Democrativo è la prima forza politica ma a Mosaner non basta: il sindaco uscente dovrà vedersele con la leghista Cristina Santi al ballottaggio. Mauro Malfer l’ago della bilancia

22 settembre - 19:19

Nulla da fare per Roberto Valcanover che, sostenuto dal Patt, Coesione oltre l'ordinario e Fare comunità, si è fermato al 26%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato