Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, "per esorcizzare la solitudine" gli artisti si "incontrano" online. Nasce #VicinaDiStanza, un luogo dove condividere musica, pensieri, scatti

L'attrice trentina Maria Vittoria Barella, una settimana fa circa, ha lanciato un'iniziativa per mettere in contatto artisti e performers: " Per sentirci meno soli, come se fossimo davvero nella stessa stanza, a condividere le cose che amiamo"

Di Arianna Viesi - 24 marzo 2020 - 10:59

TRENTO. Maria Vittoria Barella è un'attrice trentina, fondatrice della compagnia teatrale "La Burrasca" (QUI PAGINA), e ha avuto un'idea bellissima per accorciare la distanza che la quarantena ci ha imposto.

 

In quest'emergenza sanitaria, a pagare pegno sono anche i luoghi solitamente dedicati alla cultura, all'espressione creativa e alla condivisione: musei, teatri, cinema, e fate voi. "Ma questo - commenta Maria Vittoria - non impedisce alla creatività di esprimersi, di essere condivisa e di circolare".

 

Non sarà di certo il Coronavirus a fermare l'arte. Per questo Maria Vittoria Barella ha pensato di "spostare" ciò che solitamente si faceva in presenza in uno spazio diverso, virtuale, per sentirsi (più) vicini. Nasce, così, l'iniziativa #VicinaDiStanza.

 

"Ho pensato quindi di attivare sul mio profilo Facebook (QUI) - spiega - e sulla mia pagina (QUI), e sul mio profilo Instagram (@mavipuckhc) l'iniziativa #VicinaDiStanza, un modo per sentirsi vicina di stanza ma anche per rendere 'vicina' la distanza che oggi ci separa". 

 

Maria Vittoria, insomma, ha pensato ad una stanza virtuale in cui artisti di ogni genere possano incontrarsi, e continuare a creare (insieme). "Ho pensato ad un luogo - continua - dove le persone possano incontrarsi per condividere musica, poesia, pensieri. Poetesse e poeti, scrittori e scrittrici, musiciste e musicisti, fotografi e fotografe, anche non professionisti, possono inviarmi i loro elaborati".

 

Sarà infatti, poi, la stessa Maria Vittoria Barella a mettere "virtualmente" in contatto le diverse forme d'arte. "Per esempio, invierò una poesia a un musicista, affinché possa creare una musica ad hoc per quel testo, e ad una fotografa, affinché possa selezionare una serie di scatti che si ispirino a questo connubio".

 

"Oppure, al contrario, - continua - se mi verrà inviata una musica, la 'accoppierò' a testi e immagini in modo da elaborare un prodotto completo".

 

All'iniziativa #VicinaDiStanza, partita una settimana fa circa, hanno aderito già trenta artisti da ogni parte d'Italia.

 

"Spero che questo progetto - conclude Maria Vittoria - possa arrivare a un numero sempre maggiore di artisti e, naturalmente, anche di pubblico. Questo vuol essere un piccolo contributo per cercare di esorcizzare, tramite la condivisione e la collaborazione, la preoccupazione, la solitudine e l'ansia che a volte ci accompagnano in questo periodo. Per sentirci meno soli, come se fossimo davvero nella stessa stanza, a condividere le cose che amiamo"

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

27 ottobre - 18:22

Le strategie adottate dai presidenti di Provincia di Trento e Bolzano sono differenti, dopo che il Dpcm ha introdotto la misura di convertire la didattica al 75% in dad per le scuole superiori. Mentre Trento ha deciso di tirare dritto, proseguendo con la presenza (e non risolvendo affatto la questione dell'affollamento dei mezzi pubblici), Bolzano dà avvio questa settimana nelle secondarie di secondo grado al 50% delle lezioni in remoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato