Contenuto sponsorizzato

Fondi Europei, il virtuoso Trentino è in ''codice rosso'' per i ritardi nel certificare le spese

Normalmente inseriti tra i territori virtuosi quest'anno si rischiano di perdere circa 10 milioni di investimenti se entro il 31 dicembre non verranno certificati. In Italia a rischio per 1,5 miliardi

Pubblicato il - 16 dicembre 2018 - 14:33

TRENTO. L'Italia rischia di perdere quasi un miliardo e mezzo di euro e il Trentino, per la prima volta, ha il ''codice rosso'' che viene segnalato ai casi più critici. Ne dà notizia oggi il Sole24Ore che ha analizzato le decisioni generali sulle politiche regionali della commissione europea. Sono stati presi in considerazione i programmi regionali e nazionali del Fondo europeo di sviluppo regionale (il Fesr) e si è mandato un ''avvertimento'', in questo modo, alle varie amministrazioni. Infatti se entro tre anni dall'anno di impiego non vengono certificate le spese scatta l'automatico disimpegno di quelle stesse somme (la cosiddetta regola dell'N+3).

 

Cosa vuol dire? Che se entro il 31 dicembre regioni e ministeri italiani non avranno presentato la domanda di pagamento alla Ue dell'impegno di spesa che avevano richiesto (tutto il Paese a gennaio ne aveva in ballo circa 3,6 miliardi di fondi strutturali europei, assegnati con la programmazione 2014-2020) Bruxelles “cancellerà” automaticamente (salvo alcune eccezioni) la relativa quota di finanziamento. Della serie: non riesci a spenderli? Ok, il prossimo giro ne avrai di meno.

 

Di questo miliardo e mezzo a rischio ''perdita'' per il nostro Paese più di un terzo (534 milioni) sono della regione Sicilia che quasi certamente finirà per perderne alcune decine di milioni. Il grande flop, per il Sole24 Ore, è dell’Italia digitale. In questo ambito sono stati spesi solo il 3% dei fondi Ue e il nostro Paese risulta essere al 25esimo posto su 28 totali. La Sicilia viene definita come “caso disperato” mentre la Provincia di Trento è bollata come ''la vera sorpresa''. ''In termini assoluti - si legge sul quotidiano di finanza più autorevole in Italia - le due situazioni sono profondamente diverse, hanno dotazioni non confrontabili: per Trento sono in ballo meno di 10 milioni su un programma di 108, la Sicilia supera i 4,5 miliardi. Ma il rischio-perdite è altissimo per entrambe''.

 

Per il Corriere della Sera ''l’ente presieduto dal leghista Maurizio Fugatti è in difetto di circa 10 milioni su un programma di 108. Una cifra modesta. Tuttavia, trattandosi di una realtà in genere molto attenta alle opportunità offerte dalla Ue, la cosa ha suscitato stupore''. Ora partirà il rush finale per le varie amministrazioni regionali e province autonome per recuperare le risorse. Certo fa specie pensare che i nostri governanti vadano in Europa a battere i pugni lamentandosi con la Ue e a chiedere di poter fare nuovo debito quando a fronte di risorse già stanziate dalla stessa Europa e destinate al nostro Paese non sia in grado di intercettarle (l’ammontare complessivo della dote europea messa a disposizione dell’Italia tra il 2014 e il 2020 misura 44,6 miliardi). 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato