Contenuto sponsorizzato

Il Trentino Alto Adige è la regione più cara d'Italia. Per Trento una stangata annua di 510 euro

I dati sono stati elaborati dall'Unione Nazionale Consumatori. In regione, secondo dati Istat, è stata registrata un'inflazione dell'1,2% e  significa, per una famiglia di 4 persone, una batosta pari a 649 euro su base annua

Di gf - 16 gennaio 2018 - 13:31

TRENTO. Il Trentino Alto Adige è la regione più cara d'Italia seguita dalla Valle d'Aosta e dalla Liguria. Nella top ten delle città più care, invece, troviamo al primo posto la città di Bolzano seguita poi da Venezia, Genova, Milano e al quinto posto Trento.

 

A stilare le classifica è stata l'Unione Nazionale Consumatori che, prendendo i dati che l’Istat ha reso noti oggi sull’inflazione di dicembre, ha stilato la top ten delle città più care d’Italia e la classifica delle regioni più costose, in termini di aumento del costo della vita.

 

Per quanto riguarda i dati diffusi oggi dall'istituto di statistica nazionale, nella media del 2017 i prezzi registrano una crescita dell'1,2%, il carrello della spesa dell'1,5% ed i beni ad alta frequenza di acquisto dell'1,7 per cento.

 

"Per una coppia con due figli, la famiglia classica – ha spiegato Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori - significa avere avuto nel 2017, in media, una maggior spesa annua complessiva di 469 euro, 116 dei quali se ne sono andati per il solo carrello della spesa e 265 per i beni a maggior frequenza di acquisto, mentre per l'inesistente famiglia tipo Istat da 2,4 componenti, l'incremento dei prezzi dell'1,2% si traduce, in termini di aumento del costo della vita, in 364 euro in più nei dodici mesi, 90 per la spesa di tutti i giorni e 206 per i prodotti acquistati con più frequenza".

 

Dati molti interessanti arrivano dalle rilevazioni dei capoluoghi di regione e delle regioni. Secondo lo studio dell'associazione di consumatori, in testa alla classifica delle città più care, in termini di maggior spesa, troviamo Bolzano dove, prendendo in considerazione una famiglia da 4 componenti, è stata registrata una spesa supplementare su base annua di 895 euro, contro una media per l'Italia di 347 euro. Al quinto posto troviamo Trento con una spesa supplementare su base annua di 510 euro.

In testa alla classifica delle regioni più costose, in termini di rincari, ancora una volta, è come già detto il il Trentino Alto Adige, dove l'inflazione dell'1,2% significa, per una famiglia di 4 persone, una batosta pari a 649 euro su base annua. Segue la Valle d'Aosta, dove l'incremento dei prezzi pari all'1% implica un'impennata del costo della vita pari a 484 euro e, terza, la Liguria, dove l'inflazione dell'1,2% genera una spesa annua supplementare di 483 euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:51

Sono 446 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 219 positivi a fronte dell'analisi di 3.955 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

28 novembre - 22:40

Il conducente di 22 anni di Caderzone Terme ha improvvisamente perso il controllo del mezzo per finire contro alcuni alberi a lato strada e poi cappottarsi. Una 15enne è morta sul colpo, gravi gli occupanti dell'abitacolo

28 novembre - 20:00

A livello territoriale, attualmente non ci sono Comuni che entrano in zona rossa, mentre per Castello Tesino, Baselga di Pinè e Bedollo le stringenti limitazioni sono agli sgoccioli. Fugatti: "C'è qualche caso ma sono territori ben sotto i mille abitanti e quindi li prendiamo in considerazione perché contagio è circoscritto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato