Contenuto sponsorizzato

Via libera ai bandi per le borse di studio a studenti nell'ambito sanitario

L'assessorato di Stefania Segnana ha assegnato all'Opera Universitaria risorse per 160 mila euro; l'importo della borsa di studio deve tener conto della condizione economica familiare dello studente che non deve beneficiare di altre analoghe agevolazioni. Lo scorso anno sono state presentate 111 domande da parte di studenti interessati

Pubblicato il - 15 dicembre 2019 - 20:50

TRENTO. Anche quest'anno la Giunta provinciale ha deciso di avvalersi dell'Opera Universitaria di Trento per l'emanazione del bando di concorso per l'erogazione delle borse di studio relative all'anno accademico 2019/2020 a favore degli studenti iscritti ai corsi di laurea triennale o magistrale biennale delle professioni sanitarie e al corso di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia (Qui info). 

 

L'assessorato di Stefania Segnana ha assegnato all'Opera Universitaria risorse per 160 mila euro; l'importo della borsa di studio deve tener conto della condizione economica familiare dello studente che non deve beneficiare di altre analoghe agevolazioni. Lo scorso anno sono state presentate 111 domande da parte di studenti dei corsi di laurea con 68 (62%) studenti risultati idonei e beneficiari dell’intervento.

 

Questi i requisiti per la presentazione delle domande: possono presentare domanda gli studenti residenti in provincia di Trento dalla data di inizio del corso universitario frequentato purché non fruiscano di analoghe provvidenze; gli iscritti sono ammessi per il completamento di un solo corso per ciascun livello di laurea, cioè di un ciclo di studi dall'inizio sino al conseguimento di un titolo; l'importo delle borse di studio deve essere calcolato con i criteri per la valutazione della condizione economica dei richiedenti utilizzando l’indicatore Isee.

 

E ancora per quanto riguarda il merito gli studenti devono risultare iscritti per la prima volta ad un anno del corso per il quale è richiesto il beneficio, mentre gli iscritti ad anni successivi al primo devono aver conseguito un numero minimo di crediti; i limiti delle borse di studio sono i seguenti: per gli studenti in sede, residenti in luoghi che permettono di raggiungere quotidianamente la sede del corso di studi prescelta: da un minimo di 650 euro a un massimo di 2.600 euro; per gli studenti fuori sede da un minimo di 1.308 euro  a un massimo di 5.232 euro; per gli studenti pendolari da un minimo di 721,50 euro a un massimo di 2.886 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato