Contenuto sponsorizzato

Buoni pasto dei dipendenti pubblici, altro stop. La categoria: ''La Provincia rifaccia il bando e ci ascolti: può dimostrare la capacità innovativa del Trentino''

Una vicenda che vede le associazioni di categoria compatte. L’Agenzia per gli appalti della Provincia di Trento ha dichiarato decaduta anche la seconda azienda aggiudicataria. Fontanari: "Questo certifica la fondatezza delle perplessità che abbiamo evidenziato fin dall’emissione del bando"

Di L.A. - 19 febbraio 2020 - 13:36

TRENTO. Il bando per la gestione dei buoni pasto dei dipendenti pubblici segna un altro stop: l’Agenzia per gli appalti della Provincia di Trento ha dichiarato decaduta anche la seconda azienda aggiudicataria. "Questo certifica la fondatezza delle perplessità della categoria, criticità che abbiamo evidenziato fin dall’emissione del bando", commenta Marco Fontanari, presidente dell’associazione ristoratori.

 

Una vicenda che vede le associazioni di categoria compatte: il comparto chiede da tempo di rivedere il bando per il servizio sostitutivo di mensa, un appalto da 4 anni per un importo complessivo di base di 55 milioni e 392 mila euro al netto degli oneri fiscali e il criterio di aggiudicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa. 

 

"Abbiamo appreso – dice il vicepresidente di Confcommercio e presidente dell’Associazione ristoratori del Trentino – che anche la seconda aggiudicataria del bando per la gestione dei buoni pasto ai dipendenti pubblici della provincia di Trento è stata dichiarata decaduta. Questo esito conferma le preoccupazioni che abbiamo espresso fin da subito: si trattava di un bando che scaricava sugli esercenti tutti gli oneri, erodendo i margini già ridotti del servizio. Il meccanismo col quale è stato disegnato questo bando penalizza fortemente gli esercenti, che si sono resi conto della eccessiva onerosità della proposta a carico delle aziende". 

 

Un bando considerato sbagliato, nel mirino le commissioni e il criterio di aggiudicazionegià criticato anche in sede delle audizioni per il disegno di legge semplificazione. Anche i sindacati a più riprese avevano segnalato la necessità di intervenire e confrontarsi per trovare contromisure. Ma la Provincia aveva deciso di andare avanti.

 

Nel frattempo le ditte che avrebbero dovuto gestire il servizio si sono sfilate, soprattutto per l'opposizione degli esercenti nel firmare i contratti di adesione del progetto. "Anche Fipe, la nostra federazione nazionale, non più tardi della settimana scorsa - spiega il numero uno dei ristoratori del Trentino - aveva lanciato un appello proprio sul mondo dei buoni pasto: un servizio importante che però rischia di travolgere gli esercenti tra burocrazia, costi d’esercizio e riduzione del valore nominale del buono pasto che viene scaricata sulla nostra categoria per una quota anche del 30%".

 

Fipe ha chiesto al governo un’inversione di rotta, anche alla luce del fallimento di QuiGroup, costato 325 milioni di euro, dei quali 200 sulle spalle degli esercenti. "Un eventuale nuovo bando provinciale sarebbe un’ottima occasione per dimostrare le capacità innovative del Trentino, coniugando qualità e sostenibilità", conclude Fontanari. Un comparto ristorativo pesante per il territorio provinciale, un settore che tra bar e ristoranti comprende circa 3.382 imprese e 36.611 collaboratori pari al 16% della forza lavoro totale nella Pat.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 aprile - 13:28

Nell'ambito del progetto In Marcia per il Clima, una ricerca dell'Osservatorio Balcani Caucaso permette di analizzare tramite delle infografiche l'andamento dell'innalzamento delle temperature in Italia attraverso le diverse lenti dei Comuni, delle Province e delle Regioni. Da questo studio emerge come il Comune più interessato sia Martello in provincia di Bolzano (+4,5ºC), mentre il Trentino-Alto Adige rappresenti la seconda regione più interessata dall'aumento medio delle temperature

08 aprile - 13:52

E' successo questa mattina. Il Centro Sociale, attraverso la sua rete di volontari, aveva chiesto nei giorni scorsi dei pacchi viveri per alcune persone in stato di bisogno ospitate nella struttura in via Lungadige San Nicolò. Alla consegna effettuata dagli alpini hanno poi però deciso di "non chiedere più aiuti" essendo contrari alle forze armate. Da qui l'intervento di CasaPound: ''Ci hanno preso a bottigliate''

08 aprile - 06:01

Se per affrontare l’emergenza coronavirus c’è una prima linea che combatte in terapia intensiva, ce n’è un’altra che affronta l’epidemia al fianco delle donne che stanno per partorire. Il direttore Tateo: “A marzo abbiamo seguito circa 300 parti, in alcuni casi con madri positive”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato