Contenuto sponsorizzato

Coronavirus e decreto sostegni, risorse insufficienti per i lavoratori colpiti dalla crisi. I sindacati: ''La Pat batta un colpo, le misure fino ad oggi sono inconsistenti''

Per i sindacati le risorse stanziate dal Governo Draghi sono un primo segnale, ma non bastano. “Bonus statali, oggi unico intervento a favore dei lavoratori. La Giunta ha fatto poco o nulla”. Il nodo delle risorse per le politiche attive del lavoro

Pubblicato il - 20 marzo 2021 - 16:57

TRENTO. È fondamentale che la Giunta provinciale stanzi nuove risorse per sostenere il reddito dei lavoratori colpiti dalla crisi. A chiederlo sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil con una nota congiunta attraverso la quale chiedono che in merito del decreto sostegni “La Provincia integri le misure statali”. 

 

Le risorse stanziate dal Governo Draghi sono un segnale importante ma non sono sufficienti. “Il problema – spiegano i sindacati - è che oggi sono l’unico concreto intervento a favore di lavoratrici e lavoratori perché la Provincia ha fatto poco o nulla. Non ci sono infatti solo le imprese da ristorare ma anche migliaia di persone che non hanno potuto lavorare a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria. E l’assessore Spinelli fino ad oggi se n’è dimenticato. L’intervento sull’assegno unico infatti è una risposta tardiva e parziale”.

 

Cgil Cisl Uil del Trentino, per bocca dei segretari generali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti chiedono che sia anche la Provincia ad intervenire. “Di fatto solo lo Stato sta dando risposte ai lavoratori ed è tempo che la Provincia batta un colpo perché le misure adottate fino ad oggi dalla Giunta Fugatti sono inconsistenti. Le risorse per farlo ci sono. E’ tempo di agire, non ci sono più giustificazioni. Si parta dal finanziamento delle misure per gli stagionali del turismo previste dal Fondo di Solidarietà del Trentino”.

 

Per i sindacati poi va data priorità alle politiche attive del lavoro. “Abbiamo scritto alla Giunta provinciale perché c’è il concreto rischio che Trento e Bolzano non possano accedere ai finanziamenti dei nuovi strumenti di politica attiva come la formazione e il ricollocamento per i disoccupati. Chiediamo uno sforzo immediato affinché vengano riconosciute all’Autonomia le deleghe in materia di lavoro senza perdere le risorse europee che arriveranno grazie ai Recovery Fund. Non possiamo attendere lo sblocco dei licenziamenti prima di programmare le misure per la riqualificazione di chi viene espulso. Dobbiamo agire tempestivamente come fatto con il Fondo nuove competenze”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 13:16
Lo striscione intimidatorio è stato rivendicato dal Veneto Fronte Veneto Fronte Skinheads. La replica della Cgil: “Difendiamo la salute e il [...]
Cronaca
25 settembre - 12:59
L'incidente è avvenuto all'altezza della stazione di Marter (Roncegno Terme). Il corpo dell'animale preso in custodia dal corpo forestale. Notte [...]
Politica
25 settembre - 12:27
I cinque consiglieri del gruppo Verde regionale (fra cui Coppola e Zanella) hanno fatto sapere che restituiranno l’intera somma legata al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato