Contenuto sponsorizzato

Oltre 1 milione di euro per interventi "non urgenti" ma circa il 40% degli escursionisti non paga: i dati del soccorso alpino sulle Dolomiti

Ammonta a quasi mezzo milione il debito ancora da saldare al soccorso alpino: dal 2020 a oggi l’Ulss 1 Dolomiti ha emesso ben 769 fatture per un totale di 1.241.118,04 di euro. Solo nel 2022 risulta, fino ad ora, che non abbiano pagato il 55% degli escursionisti italiani e il 37% dei turisti stranieri

Di Francesca Cristoforetti - 14 agosto 2022 - 17:30

BELLUNO. Ammonta a quasi mezzo milione il debito ancora da saldare al soccorso alpino dal 2020 a oggi, per tutti quegli escursionisti che non hanno pagato i conti dopo aver attivato interventi “non urgenti” sulle Dolomiti bellunesi.

 

Sono tanti infatti gli escursionisti che avrebbero abusato della macchina dei soccorsi. Dal 2020 ad oggi sono state emesse dell’Ulss 1 Dolomiti ben 769 fatture per un totale di oltre 1 milione di euro (1.241.118,04 euro). Una cifra che non è ancora stata saldata completamente, visto che solo nel 2022 risulta fino ad ora che non abbiano pagato il 55% degli escursionisti italiani e il 37% dei turisti stranieri.

 

Un soccorso “non urgente” può quindi costare caro a chi va in montagna dal momento che, secondo i costi stabiliti dalla delibera della Giunta regionale numero 1411 del 6 settembre 2011, è consentito di attribuire a chi viene soccorso una parte o il costo totale dell’intervento.

 

Soltanto nell’anno 2020 il fatturato della Centrale del Suem e del Soccorso alpino per l’elisoccorso ammonta a 608.723,80 euro con 366 interventi messi a pagamento, di cui il 77% addebitato a italiani. Nel 2021 le fatture emesse sono calate rispetto all’anno precedente, arrivando a 230 per un totale di 324.128,80 euro, anche in questo caso la maggior parte, l’83% addebitato in Italia e il 17% all’estero. Per l’anno corrente, considerando gli interventi fino al 3 agosto, si parla di 173 fatture per una cifra di 308.265,44 euro destinate per il 64% a italiani.

 

Al 12 agosto 2022 le fatture ancora da incassare per il 2020 riguardano per il 25% gli italiani mentre il 35% gli stranieri. Nel 2021 aumenta la percentuale dei turisti da fuori i confini nazionali, al 38%, che non hanno ancora pagato, e al 24% invece gli italiani. Per quest’anno invece, per ora si parla di un 55% di nazionali che devono ancora saldare il debito e del 37% di stranieri. Essendo compresi in questi numeri anche fatture appena scadute il dato potrebbe variare.

 

Secondo quanto riportato da Ulss 1 Dolomiti emerge che siano tedeschi a chiamare di più i soccorsi senza riportare ferite. Nel 2020 è stato presentato ai turisti provenienti dalla Germania un conto di  78.939, 40 euro, mentre dopo nel 2022 fino al 3 agosto scorso sono contate 26 fatture per un totale di 80.944, 60 euro. Sempre quest’anno al secondo posto risultano gli Stati Uniti con un conto da 25.612 euro.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 5 ottobre 2022
Telegiornale
05 ott 2022 - ore 21:56
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 ottobre - 19:41
In un solo mese sono più di 150 le persone che si rivolgono al centro di raccolta Tabita per avere un aiuto concreto: “Sono quasi tutti senza [...]
Cronaca
06 ottobre - 19:47
Lo sversamento sarebbe stato causato dal danneggiamento di una vecchia cisterna. Sono in corso le operazioni di bonifica da parte dei vigili del [...]
Politica
06 ottobre - 18:00
Dai costi della materie prime aumentati del 35% alle aree inquinate di Trento nord, Sinistra Italiana lancia l’allerta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato