Contenuto sponsorizzato

Il Sentiero Italia diventa una mostra fotografica (FOTO e VIDEO): dopo aver lasciato il lavoro e aver percorso quasi 8 mila chilometri, ecco il progetto "Va' Sentiero"

Negli scorsi giorni è stata inaugurata la mostra fotografica "Va' Sentiero - Uno sguardo lungo 8000 chilometri" a cura di Rica Cerbarano con le immagini di Sara Furlanetto e un video di Andrea Buonopane

Di Antonio Gheno - 24 giugno 2024 - 15:34

VALBELLUNA. Inaugurata a Palazzo delle Contesse a Mel di Borgo Valbelluna la mostra fotograficaVa’ Sentiero - Uno sguardo lungo 8000 km”, con gli scatti di Sara Furlanetto e un video di Andrea Buonopane, che ripercorre la spedizione fatta a piedi dall’associazione Va’ Sentiero sul Sentiero Italia, in 14 mesi di cammino.

 

La stessa Furlanetto, accompagnando i primi visitatori nella visita della mostra, ha dichiarato di aver fatto lungo tutta la spedizione circa 40.000 foto che sono state poi selezionate dalla curatrice Rica Cerbarano, per dare un senso alla mostra, creare un percorso ideale e mettere in evidenza alcuni aspetti del viaggio tra i quali la biodiversità e l’antropizzazione dei territori attraversati, il tema dei confini e la cultura, l’impatto che l’uomo ha sulla natura, il ritorno a vivere le terre alte, l’importanza di un turismo lento e non di massa, come volano per le economie locali, e i ritratti caratteristici delle persone incontrate nelle comunità locali.

Nelle fotografie, riprodotte in diversi formati e accostate per creare delle associazioni di idee, traspare la volontà di testimoniare l’essenza dei territori attraversati e delle persone che li abitano, restituendo la loro bellezza ma raccontandone anche la marginalizzazione attraverso scatti passeggeri e non meditati, quasi delle istantanee, che hanno anche lo scopo di mostrare le terre alte non come un luogo ludico, senza un futuro proprio, ma con una propria dimensione da esplorare e della quale prendere coscienza.  

La mostra sarà visibile fino al 14 luglio ed è visitabile gratuitamente i venerdì dalle 15 alle 18 e sabati e domeniche dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.30; dal 2023 Va’ Sentiero è anche un libro, edito da Rizzoli, che è disponibile in tutte le librerie e propone 25 itinerari dal Sentiero Italia, dalle Valli del Natisone fino alla Barbagia, di varia lunghezza e difficoltà, per chi vuole partire alla scoperta del trekking più lungo del mondo (Qui per approfondire il progetto).

Tutto questo progetto è stato possibile grazie all’intuizione di Yuri Basilicò che nel 2016 si confrontò con Furlanetto riguardo l’esistenza del Sentiero Italia e il fatto che lo stesso fosse poco conosciuto e non si trovasse adeguato materiale, percorribilità e tantomeno informazioni sull’enorme patrimonio che vi si trova percorrendolo.

 

Da qui l’idea audace di mollare tutto, lavoro compreso, e realizzare una spedizione per promuovere il Sentiero e dare voce alle terre alte, creando un progetto, un network e un team di volontari con l’obiettivo di incentivare il turismo lento, stimolare l'economia e la sensibilità ambientale delle zone interne.

 

Dall’idea all’azione, il 1 maggio 2019, Yuri come guida, Sara come fotografa, Andrea come videomaker, Francesco come cambusiere filosofo e Giacomo Riccobono per la logistica della speidizione, sono partiti dal Golfo di Trieste e nei successivi due anni hanno attraversato a piedi tutto lo Stivale, aggiungendo alla squadra anche Giovanni driver tuttofare, Martina Stanga come social media manager e Diego Marmo grafico e creativo, documentando l'esperienza e i territori attraversati, e terminando il 25 settembre 2021, dopo 7.850 chilometri, la spedizione sul Sentiero Italia.

Felice di questa impresa, il team di avventurieri ha deciso di continuare a valorizzare nuovi sentieri e nuovi territori attraverso il format collaudato dal gruppo, riassumibile in “walk, discover, share”, raccogliendo dati tecnici, informazioni culturali ed enogastronomiche, foto e video per poi condividere l'esperienza sui canali social e sul sito dell’associazione il tutto coinvolgendo attivamente le persone del territorio ma anche chi si vuole unire alla cammino in una modalità tipo Forrest Gump (Qui info).

Le spedizioni sono possibili grazie a dei sostenitori quali enti e aziende private, a dei fondi derivanti da un crowdfunding messo online ancora agli albori del progetto ed in collaborazione con realtà quali il Touring Club Italiano.

 

La mostra e il conseguente racconto della spedizione arrivano a Mel a un mese dall’ultima proposta del festival “Camminando, esperienze, sensazioni ed emozioni” rassegna di Borgo Valbelluna dedicata al cammino inteso non solo come muoversi andando a fare camminate, ma anche dando allo stesso una valenza fortemente culturale: si veda ad esempio il coinvolgimento, che si è fatto nei mesi scorsi, di giornalisti quali Valentina Lo Surdo, di autori quali Flavio Faoro che a marzo ha presentato il suo libro Passeggiate in Val Belluna - alla scoperta di oltre cento antiche chiesette, di atleti con un progetto legato alla disabilità e all’inclusione ed ora il coinvolgimento del mondo della fotografia con Furlanetto.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 luglio - 17:52
L'uomo resta ricoverato in ospedale a Trento ma non è mai stato in pericolo di vita. L'aggressione è avvenuta in quota su un sentiero che da Dro [...]
Montagna
16 luglio - 15:50
Il ragazzo si trovava nelle vicinanze della croce di vetta, a monte del rifugio Don Zio Pisoni quando, probabilmente sporgendosi, ha perso [...]
Politica
16 luglio - 15:30
Ad intervenire anche i senatori del Gruppo per le Autonomie, Julia Unterberger, Luigi Spagnolli, Pietro Patton e Meinhard Durnwalder: [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato