Contenuto sponsorizzato

''Che c'entra una canzone di chiesa con l'omicidio di un negro''. La Lega prende le distanze dall'ex consigliere: ''Non è un militante e non lo sarà''

Claudio Villotti (ex consigliere comunale a Trento della Lega Nord) ha scritto (e poi detto a ilDolomiti) delle cose orribili. Il neo segretario della Lega prende le distanze e anche il direttore del coro dove canta: "Ci dissociamo pubblicamente''

Pubblicato il - 08 giugno 2018 - 13:52

TRENTO. "Questo imbecille ha accostato una canzone di chiesa con l'omicidio di un negro. Queste merde di sinistra non hanno capito che il vento è cambiato". Questa una delle orribili frasi messe per iscritto dall'ex consigliere del Comune di Trento eletto con la Lega Nord, Claudio Villotti. Uno che è stato capace di rincarare, addirittura, la dose al telefono spiegando "Che sia un negro è un dato di fatto. 'Negro' è eticamente corretto. Razza negra, è ora di finirla con i sotterfugi. Si dice di colore? No, si chiama razza negra. C'è razza bianca e razza negra". (QUI ARTICOLO)

 

 

Parole che non meritano nemmeno di essere commentate anche se in questo periodo si sentono pronunciare sempre più spesso e con un coraggio (se di coraggio si vuol parlare) ritrovato. Parole dalle quali non si può che prendere le distanze così come hanno fatto sia la Lega che il coro dove canta il signore. Villotti, infatti, ha ribadito di essere ancora un iscritto della Lega e di battersi per la sua causa ma il segretari Bisesti spiega che "ci tengo a precisare che come affermato giustamente dalla capogruppo del Comune di Trento: Claudio Villotti non è un Militante della Lega ed evidentemente con me Segretario non lo sarà. Ma soprattutto: le sue parole non rappresentano in nessun modo la Lega e la nuova segreteria della Lega in Trentino. Chi parla di razze sbaglia, chi minimizza atti atroci sbaglia. Sempre".

 

Presa di distanze per quanto detto da Villotti anche da parte di Federico Viola, il direttore del coro Santa Chiara dove canta l'ex consigliere comunale. "In quanto direttore del coro citato nell’articolo - spiega - intendo dissociare pubblicamente il coro Santa Chiara da qualsiasi idea politica e partitica espressa singolarmente dai coristi. Il coro Santa Chiara è nato con la finalità di fare musica insieme senza operare distinzioni di alcun tipo, né religiose né politiche, e aprendo sempre le porte a chiunque avesse voglia di cantare. Sono convinto che la musica abbia la forza di oltrepassare ogni tipo di credo ideologico o politico".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
31 luglio - 06:01
Fra lockdown, restrizioni e perdite altissime i lavoratori dello spettacolo sono stati fra i più danneggiati dalla pandemia: “Viviamo nella [...]
Montagna
30 luglio - 16:53
A seguire l'esempio dei due rifugi sul Presena saranno presto anche Passo Paradiso e Malga Valbiolo. Il direttore del consorzio Pontedilegno - [...]
Cronaca
31 luglio - 08:42
L'omicidio è avvenuto martedì notte in un appartamento in centro a Brunico. Il movente rimane ancora sconosciuto, nelle scorse ore i risultati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato