Contenuto sponsorizzato

Dolomiti Pride, Ugo Rossi ha perso un'occasione

Chi ha percorso quel corteo non capirà mai le parole di Ugo Rossi che dicevano che sarebbe stato soltanto folklore ed esibizionismo. Ugo Rossi lì non c'era, punto. Che ne sa?

Di Donatello Baldo - 11 giugno 2018 - 00:22

TRENTO. Un politico può fare tanti errori, ma quello peggiore è non essere alla testa di un popolo che in larghissima maggioranza lo potrebbe sostenere. Che potrebbe votare per lui, per la sua parte, contro l'altra parte. Ugo Rossi ha fatto questo errore: il peggiore.

 

Al Dolomiti Pride c'erano 10 mila persone. Una composizione sociale delle più variegate: tutte le professioni, tutte le età, ogni ceto sociale, uomini, donne. I gay erano forse la minoranza. C'era la gente, quella semplice, delle città e delle valli.

 

Anche la composizione politica era sfaccettata: la sinistra, quella dei principi, ma anche il mondo cattolico, quello dei valori. Giovani che hanno votato in massa i 5 Stelle, autonomisti che hanno sempre votato Stella Alpina ma che hanno accompagnato il figlio al pride e pure il suo moroso.

 

Al Dolomiti Pride c'era uno spaccato di società trentina che sabato scorso si è divertita un sacco, che si è sentita parte di un evento di cui si palerà per anni, che ha condiviso una giornata di libertà, di partecipazione. Che oggi al lavoro racconterà ai colleghi quanto è stato bello esserci e gli altri risponderanno peccato che non ci siamo stati.

 

E' successa una cosa strepitosa, persone in carne ed ossa che da troppo tempo non scendevano in piazza si sono incontrate per davvero. Non sui social, in una piazza. Dentro il corpo largo di una manifestazione che conteneva tutti indistintamente, in un mare che assorbiva anche le increspature esagerate: tutti uguali, ciascuno diverso a modo suo.

 

Chi ha percorso quel corteo, chi è rimasto fin a notte alla festa di chiusura, non capirà mai le parole di Ugo Rossi che dicevano che sarebbe stato soltanto folklore ed esibizionismo. Ugo Rossi lì non c'era, punto. Che ne sa?

 

Sarà stato in giro in bici per sfogare lo stress di portare avanti la Provincia, o avrà fatto una passeggiata in Val di Sole. Ma lì non c'era, e senza nemmeno andarci si pure permesso di dire che quella festa sarebbe stata una sciocchezza, una cosa che non meritava la sua attenzione, che non la riconosceva come importante, degradandola a un qualcosa tra il ridicolo e l'osceno.

 

Lui non c'era. E nessuno si è accorto che mancava. E questo, per un politico che vorrebbe mettersi alla testa di una coalizione che in teoria dovrebbe essere vicina a questo popolo, è un errore madornale.

 

Se la politica non ha ancora deciso chi sarà il prossimo candidato presidente della parte che si oppone al centrodesta, se sarà lui o qualcun altro, quella moltitudine che è scesa in piazza l'ha deciso prima: se sarà lui, non saprà mai rappresentarla. Lui non c'era.

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato