Contenuto sponsorizzato

Il Dolomiti Pride visto da un ''trentone'' tra nonne e famiglie

I più critici non si sono fatti notare. Hanno scaricato le loro frustrazioni sul web. Con assurde preoccupazioni e - nel caso di un presunto comico locale - altrettanto becere esternazioni

Di Nereo Pederzolli - 10 June 2018 - 06:01

TRENTO. Mancava solo il rombo - fasullo - di auto a pedali, quelle ostentate dai ‘rampolli pulcini’ di altrettanto vanitosi driver. Uno sparuto team presente in piazza Battisti, per una promozione Porsche. Gelati gratis, l’automobile come simbolo dì esclusività.

 

Nettamente in contrasto con la Trento più genuina che sfilava a due passi. Quella di una città in festa. Vera. Che non ha fatto una messa in scena: ha vissuto e condiviso. Coinvolgendo ben oltre le 10 mila persone che hanno sfilato per le vie del centro, prima di giungere in un prato troppo piccolo per il tripudio di folla.

 

Condivisione, appunto. Nessun screzio tra gli spettatori. Molti incuriositi più dalla partecipazione di una serie quasi infinita di famiglie Arcobaleno che da una certa istrioneria dei ‘più in vista’.

 

Così da piazza Dante al Muse è stato un gioioso itinerario di sorrisi. Oltre tre ore di sfilata, musica e - pare impossibile - tanta sobrietà. Quella che solo le persone più sensibili riescono a dimostrare. Senza clamore, proprio perché sicuri di una diversità che guarda oltre. Punta a includere, per educare, per capire.

 

Non a caso si notavano schiere di bambini, con mamma e papà, pure con i nonni al seguito. Trento che diventa conciliante? Certamente.

 

Bastava spostarsi - zigzagando in bici per vie secondarie - tra le ali festanti dei tanti trentini stipati lungo il percorso del corteo. Che applaudivano il passaggio di figure carismatiche, per nulla esibizioniste: i leader sindacali Cgil e Uil, le associazioni impegnate nel sociale, qualche politico. Alcuni protagonisti del mitico ‘68, pure una dozzina di simpatici ‘simil schuetzen’, con tanto di pantaloni corti in cuoio e cappello piumato.

 

Ai tavoli dei bar i colori dell’arcobaleno si mixavano con quelli arancioni dello spritz. Per un Spritzpride che certamente non registra alcuna trasgressione alcolica.

Dolomiti Pride, tanti volti, tanti sorrisi: voi c'eravate?

 

Tante le mamme che spiegavano ai figli più piccoli il perchè di certi vistosi abbigliamento. "Per distinguersi, per dimostrare che loro oggi devono esagerare solo per sentirsi accettati" - suggerisce una signora ai suoi bimbi, ferma davanti il castello del Buonconsiglio.

 

Subito conquistata - pure i suoi bambini - da scenografiche esplosioni di coriandoli a forma di cuoricini. E ancora. Le anziane sedute al bar di piazza Fiera, troppo stanche per la sfilata, ma orgogliose di ostentare sul viso alcune righe variopinte. Nonne al Dolomiti Pride? "Certamente, convinte, seppur sedute..."

 

Per non parlare di quanti hanno impugnato il telefonino per selfie da condividere con quanti non potevano ‘vedere dal vivo’. Lo spedisco a mio figlio ora in America, dice Raffaele. Per dimostrare che Trento non è bigotta come molti ancora sostengono.

 

I più critici - si potrebbe tranquillamente dire omofobi - non si sono fatti notare. Hanno scaricato le loro frustrazioni sul web. Con assurde preoccupazioni e - nel caso di un presunto comico locale - altrettanto becere esternazioni.

 

Trento, la festa, la gioia della partecipazione. Diversa, perché collettiva.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 11:55

Secondo la fondazione Gimbe, nella settimana che va dal 17 al 23 febbraio, la Provincia di Trento ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio da SARS-CoV-2 del 5,6%. Nel frattempo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie conferma la zona “rosso scuro”

25 February - 10:39

Una situazione che si è presentata diverse volte in questi primi giorni di apertura, alternandosi ad altri momenti in cui il via vai di persone è stato più rapido. In generale però gli anziani che attendono di sentire il loro nome per entrare nel capannone sono costretti ad aspettare all'esterno (alcuni seduti, molti in piedi), causando non poche difficoltà

24 February - 19:51

L'iniziativa è partita da un progetto lanciato dal Centro Servizi Volontariato che ha poi visto coinvolti Lilt e Hospice. Protagonisti gli studenti del Centro Moda Canossa, l'istituto Vittoria e gli Artigianelli. Sono stati progettati delle felpe e dei borselli per diversi usi che verranno donati ai giovani malati di cancro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato