Contenuto sponsorizzato

Elezioni, dati ufficiali. A Trento salta il banco, fuori Panizza e Franzoia dentro de Bertoldi e Zanotelli

A Trento un tonfo del centrosinistra, forte delle candidature del senatore uscente Franco Panizza al Senato e Mariachiara Franzoi per la Camera. Sono Andrea de Bertoldi e Giulia Zanotelli a prendere la strada per Roma

Di Luca Andreazza - 05 marzo 2018 - 14:19

TRENTO. E' un risultato clamoroso quello maturato nel corso della lunga notte elettorale. Il centrosinistra resta a bocca asciutta, il centrodestra festeggia in tutti i collegi. Un tennistico 6-0 targato Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia e Noi con l'Italia: game, set e match.

 

QUI RISULTATI COLLEGIO VALSUGANA
QUI RISULTATI COLLEGIO ROVERETO

QUI ANALISI

 

A Trento un tonfo del centrosinistra, forte delle candidature del senatore uscente Franco Panizza al Senato e Mariachiara Franzoia per la Camera. Sono Andrea de Bertoldi e Giulia Zanotelli a prendere la strada per Roma.

 

Corsa per il Senato. Tutte e 226 le sezioni sono state scrutinate e Andrea de Bertoldi strappa il 37,58% (46.479 preferenze). Quasi un testa a testa con Franco Panizza, che si ferma al 34,87% (43.125 voti). Chiude il podio Cristiano Zanella al 21,97%.

 

Tradisce le aspettative anche Andrea Pradi di Liberi e Uguali a quota 3,37%. Non pervenuti Graziano Morando di Potere al Popolo all'1,24% e Louise Derdre Hill de Il popolo della famiglia (0,94%).

 

Nel dettaglio la Lega è il primo partito al 24.87%, distanti le altre forze politiche, cioè Forza Italia all'8,48%, Fratelli d'Italia al 3,61% e Noi con l'Italia che si attesa sotto l'1%, 0,61% per la precisione.

 

Nella coalizione di centrosinistra il Patt chiude al 6,71%, mentre il Partito democratico raggiunge il 21.56%. A questi si aggiungono +Europa al 3,40%, Civica popolare Lorenzin al 2% e Italia Europa Insieme all'1.17%.

 

Buona la performance del Movimento 5 stelle che arriva al 21.97%. Lontani Liberi e Uguali al 3,37%, Potere al popolo all'1,24% e Il popolo della famiglia allo 0,94%.

 

Alla Camera trionfa Giulia Zanotelli al 37.38% che prevale su Mariachiara Franzoia al 33.94%. La candidata M5s Carmen Martini terza al 22,17%. Ecco quindi Renata Attolini al 3,24% e Valeria Allocati all'1,19%, Filippo Castaldini allo 0,95% e Berardo Taddei allo 0,82% e Michela Chiogna allo 0,28%.

 

Nell'area di centrodestra la Lega corre al 24.82%, quindi Forza Italia all'8,45%, Fratelli d'Italia al 3,45% e Noi con l'Italia allo 0,64%. Nel centrosinistra il Partito democratico si colloca al 21,55%. Svp-Patt al 5,50%, +Europa al 3.96%, Civica popolare Lorenzin al 2,09% e Italia Europa Insieme allo 0,82%. 

 

Il Movimento 5 stelle si attesa al 22,17%, mentre Liberi e Uguali insegue al 3,24%, Potere al popolo all'1,19%, CasaPound allo 0,95%,  Il popolo della famiglia allo 0,82% e il Partito del valore umano allo 0,25%.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato