Contenuto sponsorizzato

I Verdi all’attacco della Translagorai, ''Criticità di tipo ambientale e naturalistico''

Anche il progetto sulla Translagorai entra nel dibattito elettorale, i Verdi attaccano: “È innegabile che esistano delle criticità di tipo ambientale e naturalistico”

Foto Agh
Di Tiziano Grottolo - 02 ottobre 2018 - 20:09

CAVALESE. L’idea presentata lo scorso agosto sta facendo molto discutere e diverse associazioni ambientaliste (ma non la Sat che sostiene il progetto) si sono mobilitate. (Qua il progetto messo in discussione punto per punto)

 

Il progetto promosso dalla Provincia in accordo con i comuni della zona prevede la riqualificazione degli 85 km di sentiero che corrono lungo la catena dei Lagorai da sempre considerata una delle zone più preziose e incontaminate dell’intero arco alpino. Nel concreto il piano prevede la ristrutturazione di un rifugio e di 6 malghe, due di queste sarebbero anche implementate con un ristorante. Il costo totale dell’operazione supererà i 3,6 milioni di euro.

 

Ora anche i Verdi, tramite un comunicato, attaccano il progetto: “Pur comprendendo la necessità di fare rete e considerando che l'intenzione sarebbe quella di offrire servizi e punti di appoggio agli escursionisti, è innegabile che esistano delle criticità di tipo ambientale e naturalistico che non possono non essere considerate”.

 

I Verdi si interrogano anche sull’opportunità dell’aggiunta di ben due nuovi ristoranti, (uno a Malga Vasolare e l’altro a Malga Lagorai): “Non si tratta di non fare niente, ma di fare ciò che serve, quello su cui ci si deve soffermare - riprende il comunicato - considerato che la particolarità della Translagorai è proprio quella di rimanere in quota per tutta la percorrenza, è il concetto di 'riqualificazione', che non sempre corrisponde all'idea del conservare e preservare la preziosità di un territorio da un turismo mordi e fuggi che vive e interpreta la montagna come un qualsiasi altro luogo”.

 

Anche per quanto riguarda la ripartizione delle spese vengono sollevate delle critiche, infatti sempre secondo quanto riportato dal comunicato, 3 milioni di euro sarebbero spesi per interventi nel campo edilizio, 400 mila euro andrebbero ad aumentare la copertura telefonica e solo i restanti 160 mila sarebbero spesi per la manutenzione dei sentieri “Fondamentale per la sicurezza degli escursionisti” scrivono sempre nella nota.

 

“Il Lagorai è una sorta di paradiso nel quale si deve camminare in punta di piedi - conclude il comunicato - chiediamo perciò che si consideri che il nostro Trentino ha necessità di salvaguardare bellezza, paesaggio, risorse naturalistiche, biodiversità e peculiarità di territori che, come il Lagorai, non sono ancora stati toccati da speculazioni e che, per definizione, non si prestano a trasformazioni impattanti e non necessarie”.

 

Nel frattempo il fronte dei contrari al progetto si allarga, ad esempio il gruppo Facebook ‘Giù le mani dal Lagorai, nato solo pochi giorni fa, ha già raccolto l’adesione di 8500 persone.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato