Contenuto sponsorizzato

Il Patt diserta la riunione di maggioranza in comune a Trento, Andreatta: ''Fondamentali per la coalizione'', Futura: ''Assenza inutile''

Durante l'incontro sono stati discussi diversi temi a partire dal Prg, la riqualificazione dell'ex Atesina e dell'ex Lettere fino ad arrivare alla futura riforma dei servizi per gli anziani. Il sindaco Andreatta: "Sono temi importanti non solo dal punto di vista amministrativo ma anche politico"

Di G.Fin - 17 novembre 2018 - 19:09

TRENTO. Una riunione di maggioranza “positiva” che ha visto sul tavolo temi fondamentali per la nostra città a partire dal Prg alla riqualificazione degli spazi dell'ex Atesina. Ma a pesare è stata anche l'assenza, come già annunciato nei giorni scorsi, dei consiglieri delle Stelle Alpine che hanno preferito disertare la riunione in attesa, forse, di un ulteriore chiarimento.

 

Proprio al Patt il sindaco di Trento Alessandro Andreatta ha rivolto le prime parole in avvio della riunione. “Mi dispiace – ha affermato – della loro assenza anche perché ho cercato fino alla fine di fare in modo che siano presenti. Non capisco pienamente i motivi di questa scelta ma mi sono già accordato con il portavoce Alberto Pattini e ci sentiremo lunedì o martedì”.

 

E' chiaro che il Patt ha deciso di non prendere parte alla riunione per dare un segnale al sindaco sulla necessità di un cambio di passo soprattutto dopo le ultime scelte fatte in giunta. Andreatta oggi ha ribadito l'importanza degli autonomisti all'interno della coalizione.

 

“Il Patt – ha spiegato il sindaco – è una parte importante della coalizione di centrosinistra e questo nessuno mai l'ha messo in discussione. Ha anche una responsabilità non di poco conto con due assessori e il consigliere delegato. Per dimostrare tutto questo basta pensare che dei nove temi oggetto della riunione di oggi, tre riguardavano direttamente loro e per questo abbiamo deciso di rinviarli ad un'altra riunione che si terrà la prossima settimana”.

 

Accanto a queste valutazioni politiche all'interno delle quali il sindaco ha spiegato le difficoltà affrontate nelle ultime scelte di rimpasto, si è parlato di programmi e idee che andranno a caratterizzare l'ultimo anno e mezzo di legislatura.

 

“Dobbiamo guardare avanti – ha spiegato Andreatta – e abbiamo lavorato su temi che per me non sono mai solo amministrativi ma anche politici”.

 

Si è quindi parlato di Prg per il quale si sono date delle precise scadenze con un primo termine all'aprile del prossimo e il secondo per febbraio 2020. Altra questione trattata è stata quella della riqualificazione dell'ex Atesina dove al momento si sta attendendo la conclusione dell'accordo con Trentino Trasporti e poi l'ex facoltà di lettere e con l'assessora Mariachiara Franzoia si è discusso della riforma provinciale per i servizi agli  anziani, dello Spazio Argento e l'attenzione che il Comune dovrà dare alle fasce più deboli della popolazione.

 

“Accanto a questi temi amministrativi ma anche politici – ha aggiunto il sindaco – ci siamo poi accordati per un incontro ad hoc a breve sul tema della sicurezza. Da questo punto di vista siamo  impegnati per il concorso che farà arrivare a Trento 14 vigili nuovi”.

 

Assenti alla riunione di maggioranza oltre al Patt per motivi politici, anche l'assessore Italo Gilmozzi e il consigliere Paolo Castelli che non sono riusciti a partecipare per questioni di lavoro.

 

A giudicare positivamente la riunione è stato anche il capogruppo del Cantiere, Renato Tomasi. “Abbiamo parlato per circa un'ora di Prg – ha affermato - e diciamo che l'input principale è stato quello dei tempi. Altro tema importante trattato con l'assessora Franzoia è stato quello dello Spazio Argento e in questo caso è stato sottolineata la necessità di tenere assieme l'intera filiera e non potrà essere una riforma a compartimenti stagni”.

 

Per quanto riguarda l'ex Atesina, ha spiegato Tomasi, si è discusso su alcune ipotesi preliminari in attesa della firma, come già detto, del protocollo con Trentino trasporti. “Penso che ci dovrà essere – ha spiegato il capogruppo del cantiere – anche una permuta con la Provincia e che riguarderà lo scalo Filzi. Tra le ipotesi per l'ex Atesina c'è la realizzazione di un parco, degli orti, 40 posti auto e una piazza coperta con zone per diverse attività sportive e per la ginnastica artistica”.

 

Poche parole, invece, da parte del capogruppo del Pd Paolo Serra che in merito alla riunione spiega: “E' andata benissimo

 

“Una mattina importante” ha affermato anche il capogruppo di Futura, Vanni Scalfi, entusiasta dei temi affrontati e che caratterizzeranno il prossimo anno e mezzo di legislatura. “L'assenza del Patt – ha affermato Scalfi – la trovo inutile ma ormai ho smesso di farmi delle domande. Abbiamo rinviato i temi che sono affidati agli assessori autonomisti e quando loro decideranno di lavorarci noi saremo qui ad aspettarli”.

 

Tra i punti affrontati, ha confermato Scalfi, “si è fatto un lavoro importante per il Prg sia dal punto di vista delle tempistiche ma anche su questioni come l'azzeramento del consumo di suolo fino ad arrivare alla valorizzazione degli spazi agricoli”. Fondamentale anche il lavoro sulla futura riqualificazione dell'ex Lettere e sulla riforma per i servizi agli anziani. “L'assessora Franzoia – ha affermato Scalfi - sta facendo un lavoro davvero importante e anche l'intervento sul polo culturale con l'assessore Bungaro sta andando avanti. Caute speranze, invece, sulla ex Atesina anche se ci sono dei rallentamenti sulle permute”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 11:49

Continuano a crescere i numeri dei contagi da Coronavirus in Alto Adige, dove nella giornata di martedì 27 ottobre si registra un indice contagi/tamponi decisamente alto (13,66%). Con un nuovo decesso, la cifra delle vittime avute da inizio pandemia sale a 300

27 ottobre - 10:51

In una comunicazione interna è stato chiesto alle sette strutture ospedaliere di ridurre di circa il 30% le operazioni. Vengono assicurati gli interventi urgenti 

27 ottobre - 10:14

Le forte precipitazioni in Alto Adige hanno portato anche a nevicate fino a mille metri. Il meteorologo Dieter Peterlin spiega come al Brennero siano stati già registrati fino a 30 – 40 centimetri di neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato