Contenuto sponsorizzato

Il Pd ha deciso. Fuori Olivi, dentro Nicoletti, Franzoia, Stenico, Filippi. La Boschi a Bolzano

La decisione nella notte durante la lunga maratona della Direzione nazionale del Pd. Si definiscono i collegi per il centrosinistra trentino. La sottosegretaria confermata anche se la Svp ha mostrato qualche dubbio

Di Donatello Baldo - 27 gennaio 2018 - 09:41

TRENTO. La lunga maratona della Direzione del Pd, conclusa nella notte, ha definito anche le candidature in Trentino. Emissario trentino a Roma il segretario Italo Gilmozzi che all'alba ha mandato il messaggio della fumata bianca.

 

Elisa Filippi è capolista sul listino regionale proporzionale, Michele Nicoletti schierato sul collegio alla Camera a Rovereto, Mariachiara Franzoia su quello di Trento e la Consigliera di Parità Eleonora Stenico sul Senato della Valsugana. 

 

Alessandro Olivi è rimasto fuori, anche se sperava forse di essere chiamato direttamente dal partito nazionale. Il vicepresidente della Giunta, al suo ultimo mandato come assessore, l'ex candidato alle primarie che il Pd trentino aveva giurato di voler valorizzare, non sarà tra i candidati.

 

L'ha invece spuntata Michele Nicoletti che all'inizio sembrava il nome 'sacrificabile', che poi ha blindato la sua candidatura con l'elezione a presidente del Consiglio d'Europa, che temeva la Valsugana (se si fosse presentato anche Olivi a Rovereto) e che ora può già fare la valigia: il suo collegio è dato per sicuro.

 

Sul collegio di Trento è l'assessora alla Politiche sociali Mariachiara Franzoia a rappresentare i dem. Per quella posizione era il lizza anche Lucia Maestri, ma lo 'sponsor' di Luca Zeni sulla giovane amministratrice ha pesato molto. Seggio sicuro.

 

Sulla Valsugana, seggio 'difficile', c'è la Consigliera di Parità, una donna che garantisce l'equilibrio di genere e che rappresenta un po' tutta la coalizione. Eleonora Stenico è vicina al Pd ma non risulta organica al partito. si dovrà scontrare con un'altra donna, la procuradora della Val di Fassa Elena Testor e sarà in 'ticket' con Dellai che corre sulla Camera.

 

Sul proporzionale Elisa Filippi, renziana doc. Nel lisitino non ci sarà nessun big nazionale, come si ipotizzava, e sarà lei la capolista. La sua elezione è incerta, nessuna sicurezza. Affinché il Pd riesca a conquistare un seggio sul proporzionale, l'intera coalizione dovrà ottenere i resti più alti sull'intera regione. 

 

E a proposito di Svp, è confermata anche la candidatura di Maria Elena Boschi sulla circoscrizione di Bolzano e Bassa Atesina, anche se il partito di raccolta sudtirolese aveva manifestato qualche perplessità. 

 

Soltanto poche ore prima, l'ex segretario della Svp Siegfried Brugger aveva definito la candidatura della sottosegretaria sul collegio sicuro di Bolzano "assolutamente incomprensibile" e "un errore capitale".

 

Il quadro del centrosinistra autonomista è ora definito:

 

Collegio di Trento: Senato, Franco Panizza. Camera, Mariachiara Franzoia

Collegio di Roverteto: Senato Tiziano Mellarini, Camera Micherle Nicoletti

Collegio di Pergine: Senato Eleonora Stenico, Camera Lorenzo Dellai

 

Proporzionale alla Camera: Elisa Filippi

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato