Contenuto sponsorizzato

Paolo Vergnano: ''Il Movimento è come le altre forze politiche: nessun tema, si parla solo di poltrone''

Il consigliere comunale a Rovereto respira la stessa aria che aveva portato all'auto-sospensione in marzo: "Mancano gli spazi di discussione, in pochi decidono per tutti senza confronto e se non sei in sintonia ti escludono". Prosegue l'impegno in Comune: "Non mi dimetto"

Di Luca Andreazza - 27 luglio 2018 - 20:00

ROVERETO. "Il Movimento 5 stelle è stata una storia bellissima, ho imparato tanto, ma è ora di voltare pagina e andare avanti. Qui in Trentino ormai si è uniformato alle altre forze politiche", queste le parole di Paolo Vergnano, consigliere comunale a Rovereto, che aggiunge: "E' un dato di fatto, una situazione ingestibile da mesi: si parla solo di nomi, mai di programmi".

 

A poco più di due mesi dalle elezioni il consigliere comunale decide di sfilarsi. Non intende trainare la campagna elettorale di qualche pentastellato.

 

"Un film già visto - prosegue Vergnano - come per la chiamata alle urne in marzo. Tolgo già tutti dall'imbarazzo: nessuno mi chieda di portare avanti la campagna elettorale di qualche candidato. Si parla solo di persone, mai di temi e programmi: la crisi non è passata, ma a livello economico non si dice nulla, l'internazionalizzazione non viene menzionata. Nessun tema, solo poltrone e invidie. E non posso mettermi a disposizione di persone che non sono riuscite a reggere lo stress di far parte dell'amministrazione oppure che hanno fallito diverse campagne elettorali".

 

Insomma, mancherebbe la base di lavoro. "E' esattamente il contrario del 2013 - evidenzia il consigliere - quando è stato realizzato un programma, magari con qualche pecca e errore, ma almeno le principali tematiche erano all'ordine del giorno. Adesso l'agenda è dettata dalle interrogazioni, ma non può funzionare così. Le persone che incontro sul territorio si lamentano dell'assenza di progettualità: un fatto che dovrebbe preoccupare il Movimento, ma non è così".

 

Un ritorno al "Siamo in estremo imbarazzo" di inizio anno, quando oltre a Vergnano, anche Flavio Prada Giovanni Rullo, rispettivamente consiglieri 5 Stelle di Riva del Garda e Arco, commentavano le candidature su Camera e Senato nel collegio roveretano di Matteo Perini e Cinzia Boniatti

 

I tre consiglieri erano arrivati a mettere in atto un gesto eclatante, quello della auto-sospensione dal Movimento. "Ci avevo messo un po' di più rispetto ai miei colleghi - ricorda il consigliere - ma alla fine avevo visto che mancano quei concetti chiave, cioè condivisione e fratellanza. Ora se critichi vieni isolato e espulso. Si segue, senza contestare, quello che dicono gli altri".

 

Un'assenza di democrazia diretta. "Il Movimento - dice Vergnano - si è ridotto a un gruppo ristretto di persone che decide per tutti. La democrazia diretta è una bandiera, ma mancano gli spazi di discussione. Non abbiamo un luogo di confronto in rete, ma ormai anche i Meet-up hanno perso la funzione iniziale. Ormai hanno tutti paura di parlare, se non sei in sintonia finisci fuori dalla porta".

 

Non ci sarebbero più i rapporti interni. "Una volta - spiega il consigliere - in casi estremi decideva Beppe Grillo, magari d'imperio, ma almeno non aveva un coinvolgimento politico. Ora la linea viene dettata da quelli che sono impegnati attivamente nei consigli, senza discussioni e confronti. Non ci sono più differenze rispetto a centrosinistra e centrodestra".

 

Nel mirino anche le regole. "Non si sa chi ha discusso e deciso - evidenzia - sono state calate dall'alto. Il fatto che una persona può candidarsi solo come presidente o consigliere danneggia inoltre il Movimento. Se una donna oppure un uomo partecipa alle primarie e viene ritenuto compatibile per il ruolo di governatore, non capisco perché non possa poi essere eletto come consigliere". 

 

Un quadro che porta, fisiologicamente, a qualche defezione. "Tanti si sono allontanati - prosegue Vergnano - ma comunque vengono rimpiazzati, soprattutto quando si è in odore di elezione e spartizione di poltrone".

 

Una situazione che in parte rispecchia la riflessione di Paul Köllensperger: "Capisco la sua decisione. Alcuni concetti - commenta il pentastellato - li rivedo anche qui in Trentino. Il Movimento, soprattutto a livello provinciale, deve fare qualcosa in più e evolversi. Non può restare fermo e appiattirsi agli altri".

 

E ora quale futuro per il consigliere comunale? "Dentro - conclude Vergnano - resto un pentastellato per i valori che questo Movimento trasmette, ma fuori chiaramente la percezione cambia. Non mi dimetto, proseguo l'impegno che ho preso all'interno del Consiglio comunale di Rovereto". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.35 del 11 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 dicembre - 05:01

A sinistra sembra cominciato il gioco più amato di quest'area politica: la tafazziana scissione. Il partito di Boato e Coppola probabilmente conta di sfruttare l'onda lunga dei movimenti ambientalisti in Europa ma proprio nome e simbolo rischiano di renderli poco attrattivi e di legarli a vecchie logiche. Molto dispiaciuto il presidente di Futura: ''Non sarà una lista in più a darci maggiore chance di vittoria''

11 dicembre - 19:46

Il versamento a Fratelli d'Italia è apparso nell'ultima inchiesta fatta dall'Espresso. L'attuale presidente dell'associazione è Sergio Berlato, ex Alleanza Nazionale e eletto in Europarlamento quest'anno con Fratelli d'Italia. L'ex presidente dei cacciatori è stata eletta nel 2018 in Parlamento sempre con il partito della Meloni 

11 dicembre - 16:21

Il sindacato si scaglia contro il disegno di legge sponsorizzato da Fugatti “Ritorsioni della provincia verso i familiari dei condannati”. Qualora la norma fosse approvata la Fiom fa appello al governo nazionale “affinché blocchi questo gravissima e insensata deriva della democrazia”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato