Contenuto sponsorizzato

Pd verso il congresso, possibile sovrapposizione di quello nazionale con quello provinciale. Il dubbio: ''Fino a marzo senza una guida?''

Alcuni vorrebbero uno slittamento dell'assise locale per concentrarsi sui temi del territorio e propongono una reggenza da affidare ai consiglieri provinciale. Ma i tempi sono stretti e la reggenza sembra non trovare l'appoggio della maggioranza

Di Donatello Baldo - 03 dicembre 2018 - 13:29

TRENTO. Assemblea del Partito democratico, all'ordine del giorno la presa d'atto delle dimissioni del segretario Giuliano Muzio e la decisione sul congresso nazionale e provinciale. Stasera, dopo la convocazione andata deserta la scorsa settimana, si spera nel raggiungimento del numero legale. Si temono strategie 'ostruzionistiche', con la diserzione messa in atto per evitare la discussione, ma nelle ultime ore sembra che le presenze della maggioranza dei 61 siano assicurate.

 

Il tema vero è la sovrapposizione tra i due congressi, che qualcuno vorrebbe evitare. In corsa, per la segreteria nazionale, ci sono 7 candidati e le rispettive tesi occuperebbero gran parte della discussione, relegando a un dibattito marginale la questione locale. Si verificherebbe uno schiacciamento dei temi nazionali su quelli territoriali, sul nuovo segretario provinciale e sulle idee da proporre per il Partito democratico trentino. 

 

Qualcuno proporrà quindi uno slittamento dell'assise locale, per dare il giusto spazio alla dimensione del Pd trentino. Una proposta che però difficilmente verrà accettata, l'urgenza di fare subito entrambi i congressi sembra maggioritaria e trasversale alle varie 'correnti' interne al partito. I tempi non ci sono, il 3 marzo è già troppo in là e andare oltre - senza segretario, senza assemblea - sarebbe complicato. 

 

In primavera ci sono le amministrative per alcuni comuni, ci sono le suppletive nei collegi di Trento e Pergine per la sostituzione di Fugatti e Zanotelli ora in giunta e dimessi dal Parlamento nazionale. Ma ci sono anche le elezioni europee e una legislatura appena iniziata che ha bisogno di una guida politica. Anche per questo di è parlato di una reggenza, da affidare ai consiglieri provinciali secondo una proposta che stasera sarà messa in discussione.

 

La tesi è questa: quattro mesi senza un segretario, senza qualcuno che faccia una sintesi politica, può essere un disastro. Chi risponde a Fugatti? Chi organizza le iniziative politiche dell'opposizione? In questa fase c'è bisogno di qualcuno che possa parlare a nome di tutti, che rappresenti un partito intero. Non è possibile aspettare il 3 di marzo per poter ricominciare a muoversi. 

 

Ma c'è chi vede nella proposta di affidare ai consiglieri provinciali la reggenza una strategia volta ad escludere, tra quelle fila, un possibile candidato alla segreteria. E comunque - spiegano alcuni - non è prevista la reggenza: o si elegge un segretario o si va a congresso e nel frattempo la reggenza è della commissione congressuale. Un tema che però sarà dibattuto, questo di sicuro. 

 

Poco partecipata, invece, la corsa al posizionamento sulle tesi nazionali che esprimono i candidati segretari. Non c'è un'adesione organizzata alle proposte in campo, nessuna cordata in favore di Zingaretti, Minniti, Martina, Boccia, Corallo, Saladino o Damiano, le candidature arrivate fino ad ora.

 

E non ci sono nemmeno nomi in campo sul fronte locale. Nomi di possibili futuri segretarti del Partito democratico non ne gira neanche uno, per ora ogni intenzione rimane ben coperta in attesa di capire meglio cosa succederà

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato