Contenuto sponsorizzato

Primo consiglio provinciale e prima protesta. Ambientalisti e comitati riuniti sotto il Palazzo per dire ''No alla Valdastico''

Oggi si è riunita la prima assise con il nuovo consiglio e in Piazza Dante si sono radunate una ventina di persone per protestare contro l'intenzione di proseguire verso il completamento dell'A31

Pubblicato il - 20 novembre 2018 - 11:16

TRENTO. Primo consiglio provinciale e prima manifestazione di protesta sotto il Palazzo. Una ventina di manifestanti si sono ritrovati in Piazza Dante per dire no alla Valdastico. C'erano varie sigle ambientaliste e alcuni comitati uniti per ribadire la loro opposizione a un'opera della quale si discute da anni e che, forse mai come adesso, con il cambio della Giunta, appare vicina ad essere realizzata. La Lega, infatti, in campagna elettorale è stata chiarissima e con lei tutti gli alleati di centrodestra: l'A31 deve essere completata per connettere il Trentino al Veneto e al resto del Nord Est in via diretta, bypassando la pericolosissima Ss47, quella Valsugana che nel tratto trentino è spesso al centro delle cronache per incidenti, code e disagi.  

 

E i cittadini, il 21 ottobre, hanno premiato proprio chi ha annunciato che l'opera si farà votandoli ed eleggendoli. ''Ne siamo consapevoli - spiega Aron Iemma  presidente del Wwf Trentino presente tra i manifestanti fuori dal palazzo della Provincia - però noi non arretriamo di un centimetro. Siamo convinti che quell'opera sia dannosa per il territorio e la comunità e pensiamo, invece, che se le risorse che si vorrebbero impiegate per realizzarla, fossero deviate su interventi di tutela del territorio, di rafforzamento, di manutenzione delle opere di difesa contro i cambiamenti climatici, sarebbero soldi davvero ben investiti''.

 

In questo senso Pd, Futura e M5S hanno fatto la loro campagna elettorale contro la Valdastico e quindi i comitati e le associazioni ambientaliste potranno trovare una spalla anche nel neonato consiglio provinciale. Ma la maggioranza è compatta e può contare sull'asse con il Veneto di Zaia. ''Noi non vogliamo andare allo scontro - completa Iemma -, non è il nostro obiettivo. Noi siamo per la ricerca del dialogo ma su un punto restiamo fermi, per il futuro del Trentino e del Veneto: la Valdastico non si deve fare''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 12:03

E' successo questa mattina. I due uomini stavano risalendo il canalone con i ramponi quando, probabilmente, sono stati investiti da una scarica di sassi e Zenatti ha perso l'equilibrio

26 maggio - 12:18

Partito dal paese natale di Puos d'Alpago, in provincia di Belluno, Mario Cimarosti ha compiuto in vent'anni oltre 24mila chilometri, esplorando l'Asia lungo la via che fu percorsa da Marco Polo. Tutte le esperienze le ha raccolte in "Ai confini dell'Asia. Avventure e incontri tra zar, sultani e maioliche", libro disponibile in libreria e online, per viaggiare con la mente in questo momento di chiusura dei confini

27 maggio - 12:27

Nel quotidiano aggiornamento sulla situazione Coronavirus in provincia, l'Azienda sanitaria altoatesina non ha registrato nessun nuovo contagio su 738 tamponi effettuati. Ancora 0 il numero dei decessi. Il bilancio, ben differente da Trentino, rimane dunque stabile a 2593 infetti e 291 vittime

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato