Contenuto sponsorizzato

Riccardo Fraccaro sta per salire sullo scranno più alto di Montecitorio

Se regge l'accordo Lega-5Stelle, il deputato trentino potrebbe raggiungere la presidenza della Camera dei Deputati. Sarebbe il primo presidente dell'assemblea di Montecitorio proveniente dal Trentino

Pubblicato il - 24 marzo 2018 - 09:26

ROMA. La sua candidatura è stata ufficializzata in tarda serata, dopo che nelle trattative per le presidenze delle Camere si era consumata definitivamente la rottura tra Lega e Forza Italia. I 5 Stelle puntano su Riccardo Fraccaro: sarà lui a sedere sullo scranno più alto di Montecitorio. 

 

A meno di colpi di scena dell'ultimo minuto sul suo nome dovrebbero confluire i voti della maggioranza dei deputati. I grillini, all'interno di un accordo stretto con la Lega, dovrebbero votare un candidato del centrodestra al Senato mentre la Lega è pronta a sostenere un grillino per la Camera. 

 

Riccardo Fraccaro, al suo secondo mandato in Parlamento, eletto in Trentino Alto Adige, è nato a Montebelluna, Treviso, nel 1981. Laureato in giurisprudenza, nella scorsa legislatura, con Laura Boldrini, ha ricoperto il ruolo di segretario dell'Ufficio di presidenza. 

 

Se venisse eletto si tratterebbe del primo presidente della Camera dei Deputati proveniente dal Trentino. Non il primo presidente in assoluto del Parlamento: nel 1973 fu eletto alla presidenza del Senato della Repubblica il senatore roveretano Giovanni Spagnolli

 

AGGIORNAMENTO: Passo indietro di Fraccaro in favore di Roberto Fico, eletto presidente della Camera dei Deputati.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato