Contenuto sponsorizzato

Ricorso contro Fugatti presidente, lui replica: ''Sono sereno, ma in caso dovrete spiegare perché si rivota dopo un 47%''

Liberi e Uguali e l'avvocato Alfonso Pascucci hanno depositato un ricorso all'Ufficio centrale circoscrizionale. Fugatti: "Verifiche fatte prima della nomina a candidato presidente", forte del risultato delle urne aggiunge: "Si appigliano a tutto"

Foto di Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 31 ottobre 2018 - 21:12

TRENTO. "Sono tranquillo, abbiamo effettuato tutte le verifiche necessarie prima della nomina a candidato presidente", questo il commento di Maurizio Fugatti, presidente eletto della Provincia di Trento, per rispondere al ricorso depositato da Liberi e Uguali e dall'avvocato Alfonso Pascucci sull'ineleggibilità del leader della Lega.

 

La forza politica e il legale hanno presentato una segnalazione all'Ufficio centrale circoscrizionale per chiedere di non convalidare l'elezione a presidente della Provincia di Maurizio Fugatti in quanto si troverebbe in condizione di ineleggibilità ai sensi del combinato disposto tra l'articolo 15 della legge provinciale numero 2/2003 e l'articolo 10 capo 1 della legge 400/88.

 

"La legge elettorale per il Trentino - spiega LeU - dice che non sono eleggibili alla carica di presidente della Provincia e di consigliere provinciale i membri del governo e i commissari del governo per le Province di Trento e Bolzano".

 

Nel mirino c'è il ruolo di sottosegretario dal quale Fugatti non si è dimesso per correre alla massima carica provinciale. Il neo presidente, eletto parlamentare nelle elezioni politiche del 4 marzo scorso, è stato poi nominato sottosegretario alla sanità e secondo i ricorrenti nel "Capo 1: Organi del Governo”, include l'articolo 10 della legge che comprende i "Sottosegretari", si ammette, nel sito del ministero, che l'organizzazione del governo possa "presentarsi più articolata di quella essenziale definita in Costituzione", oltre che può essere "integrata dal vicepresidente, da ministri senza portafoglio e da sottosegretari di Stato”.

 

"Ci siamo mossi preventivamente - risponde Fugatti - abbiamo interpellato la Provincia che ci ha dato parere positivo dopo aver verificato l'articolo 92 della Costituzione". E il riferimento va al parere del direttore generale Paolo Nicoletti che aveva richiamato anche richiamato l'articolo 17 della legge elettorale provinciale che disciplina le ipotesi di incompatibilità e ineleggibilità con particolare riferimento alla carica di presidente della Provincia e le cariche parlamentari.

 

Incassato il semaforo verde, Fugatti non si è dimesso da sottosegretario, ma si è concentrato anche sulla campagna elettorale. "Quella di Nicoletti è un'interpretazione, confutabile. Il leader della Lega - aggiunge Liberi e Uguali - doveva dimettersi dalla carica di sottosegretario quando si è candidato a governatore. Invece ha continuato a svolgere la sua funzione nel governo anche durante la campagna elettorale: in questo modo ha inoltre violato il principio dell’eguaglianza tra candidati quando è intervenuto direttamente nella definizione di materie sensibili, come nel caso della riapertura del punto nascita di Cavalese".

 

Liberi e Uguali ritiene che questa sia un’ulteriore conferma dell’urgenza di procedere ad una revisione totale dell’attuale legge provinciale, una legge che, oltre a dare adito ad interpretazioni ambigue, è anticostituzionale, in contrasto con lo Statuto d’autonomia e con la legge elettorale proporzionale della Provincia di Bolzano e strutturata su un impianto maggioritario che genera un Consiglio Regionale difforme.

Non manca di rispondere il presidente. "Oltre al direttore generale - evidenzia Fugatti - abbiamo anche sentito i pareri di altri uffici. Ripeto che siamo tranquilli, il voto non è sicuramente stato influenzato dai ruoli. I ricorsi sono legittimi, ognuno può portare avanti le tematiche che meglio crede e la politica può appigliarsi a qualunque aspetto".
 

Resta il risultato delle urne: centrodestra al 46,73%, centrosinistra a quota 25,40% e Patt al 12,42%. La Lega al 27,09% per tredici seggi oltre il presidente, mentre Liberi e Uguali fermo a 1,40% (2,66% con l'Altro Trentino a Sinistra) e zero seggi. "Se ci sarà da ritornare a votare - conclude Fugatti - non è un problema, vedremo come va a finire, ma qualcuno dovrà spiegarlo agli elettori".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 20:05

Ecco i dati per comune per il Referendum in Trentino. Alla fine in provincia ha vinto il Sì con il 63,61% (mentre in Alto Adige ha superato il 79%). Ecco il focus su tutte le amministrazioni

21 settembre - 19:24

Le persone che si trovano nella lista del governatore sono riusciti a più che triplicare i consensi che in questo momento riesce a raccogliere il Carroccio e si trova con una percentuale di poco lontana a quella del Partito Democratico

21 settembre - 17:13

Dopo i 21 sindaci eletti nelle scorse ore ancor prima della chiusura dei seggi, altri candidati al municipio sono riusciti a intercettare i voti necessari per farsi eleggere e evitare il commissariamento. Ecco l'elenco dei primi cittadini

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato