Contenuto sponsorizzato

Scontro elettorale tra Casa Pound e Liberi e Uguali. La disputa è sulle responsabilità storiche di fascismo e comunismo

L'intervista della redazione di Salto.bz ai candidati di Casa Pound e Liberi e Uguali Andrea Bonazza e Hannes Obermair in vista delle elezioni del 4 marzo

Pubblicato il - 11 febbraio 2018 - 13:23

BOLZANO. Da una parte il consigliere comunale Andrea Bonazza candidato per Casa Pound, dall'altra lo storico Hannes Obermair candidato per Liberi e Uguali. Quello che ne esce è un'intervista a tratti approfondita ma a tratti anche 'surreale'.

 

La disputa è sulla storia del '900: Bonazza difende la sua felpa delle SS Charlemagne indossata in Consiglio comunale: "La SS Charlemagne non si è mai macchiata di crimini di guerra, ha solo combattuto sul fronte anti-bolscevico".

 

Un'argomentazione che lo storico non accetta: "Da parte mia condanno lo stalinismo ma non l’Armata rossa, che ha liberato Auschwitz. Se i soldati sovietici, assieme agli alleati, non avessero sconfitto Hitler e il suo lacchè Mussolini oggi avremmo una dittatura fascista in tutta Europa"

 

Per il leader di Casa Pound il problema era il bolscevismo, non il nazifascismo: "Se i giovani delle SS Charlemagne non avessero fermato l’avanzata dei russi l’Europa sarebbe stata sotto il giogo comunista".

 

A questo punto Obermair chiude la discussione: "Il suo, Bonazza, è un revisionismo inaccettabile". Ma l'intervista va avanti, si toccano tanti punti, dalla "buffonata" del volantinaggio in pronto soccorso organizzato da Casa Pound alla situazione politica attuale. 

 

Qui l'intervista completa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 gennaio - 09:02

La tragedia è avvenuta ieri mattina in via Leonardo da Vinci a Borgo Sacco. Inutili purtroppo i tentativi di rianimazione 

24 gennaio - 09:23

Dopo la morte di Matiu la dura presa di posizione de Il gioco degli specchi: “È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra. Nel mirino anche Segnana che sostiene che i posti letto sia sufficienti: “Le persone costrette a dormire all’aperto sono ancora tante”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato