Contenuto sponsorizzato

Sondaggi elettorali, per Porta a Porta in Trentino il centrosinistra batte il centrodestra 7 a 3. A livello nazionale Berlusconi & co. vicini al 40%

Ecco i sondaggi di Euromedia Research e dell'Istituto Piepoli sia sui dati nazionali che su quelli regionali riferiti alla Camera. Nell'uninominale solo Dellai dovrebbe perdere contro Fugatti

Di Luca Pianesi - 16 febbraio 2018 - 17:14

TRENTO. 7 a 3 per il centrosinistra sul centrodestra con 1 unico eletto per il Movimento 5 Stelle. Questo il risultato del sondaggio mostrato ieri a Porta a Porta su Rai 1 (l'ultimo prima del "silenzio" televisivo) elaborato da Euromedia Resaerch in vista delle elezioni del 4 marzo in Trentino Alto Adige, per la Camera. Una vittoria che pare essere più unica che rara se rapportata al dato nazionale dove il centrodestra pare essere in netto vantaggio su Renzie & co. con i 5 Stelle costretti a giocare un ruolo da comprimari, con l'obiettivo di diventare il primo partito italiano ma senza nessuna chance di governo.

 

La direttrice di Euromedia Alessandra Ghisleri ha commentato i dati regionali spiegando che in sostanza solo un collegio sarebbe in ballo all'uninominale, quello della Valsugana dove al momento la vittoria viene data al centrodestra e quindi a Fugatti su Dellai e Fraccaro, mentre tutti gli altri esprimerebbero deputati del centrosinistra (Michele Nicoletti del Pd a Rovereto, Mariachiara Franzoia del Pd a Trento, Maria Elena Boschi del Pd a Bolzano, e i candidati Svp a Merano e Bressanone). Per quanto riguarda il proporzionale 2 seggi andrebbero al centro sinistra (ad oggi la cosa più probabile è che entrino la coppia Svp-Patt Manfred Schullian-Emanuela Rossini e resti fuori Elisa Filippi), 2 al centrodestra (Diego Binelli della Lega Nord e Michaela Bincofiore di Forza Italia) e 1 al Movimento 5 Stelle con Riccardo Fraccaro.

 

 

Di diversa natura il dato nazionale. Su 617 seggi per Euromedia 273 dovrebbero finire al centrodestra e 156 al centrosinistra mentre il Movimento 5 Stelle ne dovrebbe fare 134. Per l'Istituto Piepoli i seggi al centrodestra dovrebbero essere 281, 166 quelli al centrosinistra 145 al Movimento 5 Stelle

 

Per quanto riguarda i sondaggi sul voto generale Euromedia dà il centrosinistra al 26,1% con il Pd in calo dello 0,3% rispetto all'inizio della settimana e con +Europa in crescita dello 0,3%. Per Piepoli la coalizione, invece, sarebbe al 29,3% con sempre un Pd in calo a fronte di una crescita di +Europa di Emma Bonino.

 

 

 

Il centrodestra, invece, per Euromedia viaggia sul 38,6% con Forza Italia in leggero calo ma con Lega e Noi con l'Italia in leggera crescita, mentre per Piepoli è sul 37%.

 

 

In leggero calo il Movimento 5 Stelle per entrambi gli istituti di rilevazione: per Euromedia i grillini dovrebbero assestarsi sul 26,8% mentre per Piepoli sul 27%. Liberi uguali viaggia intorno al 6% mentre Casapound non supera lo 0,6%. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato