Contenuto sponsorizzato

Svp-Lega, entro Natale l'accordo. Parte la trattativa sul programma, malumore nella base autonomista per il 'matrimonio' con Salvini

Decisa l'apertura al Carroccio. Tra i nodi da sciogliere anche i punti nascita, quelli che l'Svp nella scorsa legislatura ha deciso di chiudere (San Candido e Vipiteno) che invece la Lega vorrebbe far riaprire. Ma sul piatto anche la richiesta che i cittadini dell'Alto Adige abbiano corsie preferenziali nell'assegnazione delle case popolari

foto Oreste Fiorenza
Pubblicato il - 01 dicembre 2018 - 18:18

BOLZANO. L'obiettivo è quello di mangiare il panettone e brindare entro Natale all'accordo Lega-Svp per la nuova giunta della Provincia di Bolzano. I due gruppi hanno iniziato le trattative, segnando una road-map che dovrà definire il programma di governo, dribblando tra le insidie dei temi più 'divisivi' tra gli autonomisti e, per com'è la Lega oggi, quelli che possono essere definiti sovranisti (c'è che dice pure nazionalisti).

 

Parte della base del partito di raccolta sudtirolese è in subbuglio, soprattutto l'ala sociale che ha chiesto di inserire un preambolo fin da subito a quello che sarà il futuro programma. Una sorta di catalogo di impegni morali, valoriali, da condividere e su cui apporre la firma: temi cari alla Svp che si teme la Lega possa mettere in discussione durante i prossimi cinque anni. Europa, autonomia, convivenza, solidarietà, economia, fasce deboli.

 

La decisione, presa dal segretario dell'Svp Philipp Achammer, dal governatore Arno Kompatscher e dal coordinatore della Lega altoatesina Massimo Bessone, istituisce cinque gruppi di lavoro tematici che dovranno affrontare i nodi e i temi caldi. Ci sarà un confronto paritetico e in ciascun gruppo di lavoro siederanno rappresentanti di una e dell'altra parte. L'obiettivo, quello di costruire un programma condiviso e vincolante. 

 

Tra i nodi da sciogliere i punti nascita, quelli che l'Svp nella scorsa legislatura ha deciso di chiudere (San Candido e Vipiteno) che invece la Lega vorrebbe far riaprire. Ma sul piatto anche la richiesta che i cittadini dell'Alto Adige abbiano corsie preferenziali nell'assegnazione delle case popolari. Il tema della tutela delle minoranza, che il Carroccio vorrebbe anche per gli italiani, ha visto però un'alzata di scudi da parte dei dirigenti svp.

 

Nelle intenzioni di Lega e Svp i gruppi di lavoro dovrebbero arrivare alle conclusioni entro Natale, così da dare alla Provincia di Bolzano un governo operativo. Nei giorni scorsi, non senza difficoltà, l'Svp ha deciso di iniziare il confronto con la Lega, scartando l'ipotesi di un'alleanza con il Pd, che ha un consigliere, e i Verdi che ne hanno due. Numeri che sarebbero bastati per la maggioranza. Politicamente, però, si è preferita l'apertura al Carroccio di Matteo Salvini

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato