Contenuto sponsorizzato

Trento, il centrodestra: ''Andreatta si dimetta, basta rimpasti: più che un sindaco sembra un pizzaiolo''

Bruna Giuliani della Lega chiede ad Andreatta "di farsi da parte". Cristian Zanetti di Forza Italia parla di sindaco "sempre più debole incapace di affrontare i problemi della città" mentre Andrea Merler, ironico, dice: "Con questi continui rimpasti più che un sindaco sembra un pizzaiolo. Il tutto per ottenere qualche voto in più"

Di gf - 26 ottobre 2018 - 13:00

TRENTO. Basta rimpasti il sindaco Alessandro Andreatta “non ha più la maggioranza dei cittadini e deve dimettersi”. I partiti di centrodestra in Comune a Trento nel corso di una conferenza indetta per ringraziare i propri elettori, sono andati all'attacco del primo cittadino chiedendone le dimissioni. Alla base della richiesta ci sarebbe il risultato elettorale di domenica scorsa che ha visto il centrosinistra (senza il Patt) perdere la città.

 

Dalle urne, infatti, la sola Lega ha raggiunto a Trento il 23%, contro il 18.85% del Pd. Il centrodestra unito è arrivato al 39,26% mentre il centosinistra (senza il Patt) si ferma al 36,19%.

 

A chiedere al sindaco Andreatta di farsi da parte e di lasciare spazio ai giovani e al centrodestra è la capogruppo della Lega in consiglio comunale, Bruna Giuliani. “Diciamo grazie alla città per i voti ricevuti ma ora il sindaco non può pensare di continuare a governare facendo uno scambio di poltrone – spiega – perché questo è vergognoso. Noi stiamo lavorando per fare il successore della città che sarà del centrodestra, Andreatta guardi cosa ha fatto in questi anni e capisca che deve farsi da parte”.

 

A chiedere al sindaco di farsi da parte è anche il consigliere di Forza Italia, Cristian Zanetti. “Vogliamo per prima cosa ringraziare gli elettori per il voto di domenica e chiedere al sindaco Andreatta di farsi da parte. La sua maggioranza - spiega – a livello provinciale non ha raggiunto nemmeno il 25%”.

 

Per l'esponente di Forza Italia, il sindaco “con i continui rimpasti è sempre più debole e servono solo a tamponare una emorragia che è già partita”.

 

Duro anche il commento dell'esponente della Civica Trentina, Andrea Merler. “Abbiamo visto un sindaco in grande difficoltà in tutti questi quattro anni – ha spiegato Andrea Merler di Civica Trentina – iniziando la legislatura con già dei mal di pancia enormi in giunta. Poi si è arrivati ad un primo rimpasto che ha creato altri mal di pancia che si pensava risolvere con le elezioni politiche ma non ci sono riusciti”.

 

Con le elezioni provinciali il centrosinistra è ulteriormente sceso. “Le hanno perse e le loro percentuali sono scese – continua Merler – ed ora non rappresentano più la maggioranza dei cittadini. Con questi continui rimpasti, Andreatta, più che un sindaco, sembra un pizzaiolo che continua a rimpastare per ottenere che cosa? Non un governo nuovo ma un voto più. Non penso che una città come Trento possa essere governata in questo modo”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato