Contenuto sponsorizzato

Attentato a Rovereto, Cia: ''Gli autori non si sono mai voluti prendere''. Ghezzi: ''Parole gravi, così si accusano le Forze dell'ordine''

Botta e risposta tra l'esponente di Futura e l'esponente di Agire durante i lavori del Consiglio provinciale. "Se Cia afferma questo vada in Procura e depositi un esposto"

Di Donatello Baldo - 05 febbraio 2019 - 18:49

TRENTO. "Non si vogliono prendere", questo ha detto il consigliere Claudio Cia a proposito degli autori dell'attentato al Tribunale di Rovereto avvenuto nella notte di ieri, 4 febbraio, sollecitando il presidente del Consiglio provinciale "a chiedere alle forze dell'ordine di risolvere il problema".

 

Queste parole sono state pronunciate durante i lavori dell'Aula, a commento della richiesta di Ugo Rossi che chiedeva al presidente Walter Kaswalder di condannare il gesto a nome di tutti i consiglieri. Cosa che è stata prontamente fatta, con l'auspicio che i responsabili siano assicurati subito alla giustizia.

 

Le parole di Cia non sono però passate inosservate, tanto che Paolo Ghezzi le ha giudicate "molto gravi". Per come le ha intese l'esponente di Futura, Cia avrebbe accusato le forze dell'ordine di non voler prendere i presunti autori dell'attentato. Se fosse così, ha fatto capire Ghezzi, e se Cia avesse riscontri in questo senso, sarebbe opportuno che il consigliere facesse un esposto alla Procura.

 

Per fatto personale Cia ha chiesto nuovamente la parola: "Ho detto che non si sono mai voluti prendere, non che non si vogliono prendere". Una specificazione che non ha fugato tutti i dubbi interpretativi sulle sue parole, anche se poi non si è approfondito maggiormente nell'analisi logica e grammaticale.

 

"Mi denunci pure - ha detto Cia rivolto a Ghezzi - nei sette processi che mi hanno intentato sono sempre stato assolto". Ghezzi ha tentato di spiegare che invitava a fare un esposto, che non ha mai ipotizzato querele. Ma anche in questo caso non si è voluto approfondire nella spiegazione.

 

Rimane il fatto che anche questa volta l'avvio dei lavori della tornata consiliare sono stati occupati da scontri e battibecchi, con interventi "sull'ordine dei lavori" e "per fatto personale" che il regolamento non consentirebbe. In ogni occasione, un consigliere si alza e chiede di parlare un po' su quello che gli pare, e si apre un dibattito non previsto dall'ordine del giorno.

 

Questo succede perché la gestione dell'Aula è un poco lasca, con l'evidente incapacità del presidente Kaswalder di imporsi sul Consiglio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato