Contenuto sponsorizzato

Fugatti a Radio24: ''Il milione? Valuteremo e approfondiremo internamente'' ma le carte mostrate da Zeni parlano già di ''rinuncia''. Rossi: ''Grave che non si dica la verità''

Il presidente segue la linea e che le valutazioni, dopo 10 mesi di governo, sono ancora in corso. Tutto questo anche se l'ex assessore Luca Zeni ha mostrato le lettere dove la Pat specifica di ''rinunciare'' ai fondi per l'integrazione. Fugatti: "Però investiamo in corridoi umanitari", semplicemente ha confermato una decisione della giunta precedente

Di Luca Andreazza - 17 settembre 2019 - 20:05

TRENTO. "Faremo una ricognizione interna sul reale ritorno di queste iniziative", queste le parole di Maurizio Fugatti nell'intervista di oggi, martedì 17 settembre, a Radio24 sulla rinuncia da un milione di euro, che aggiunge: "Approfondiremo la portata dei progetti e se venisse dimostrato che effettivamente servono, ritorneremo a prendere queste risorse".

 

Il presidente conferma la linea e che le valutazioni, dopo 10 mesi di governo, sono ancora in corso. Tutto questo anche se l'ex assessore Luca Zeni ha mostrato le lettere dove la Pat specifica di ''rinunciare'' ai fondi per l'integrazione (QUI ARTICOLO). "E' stato sospeso - spiega Fugatti - per capire la reale utilità, la reale efficacia. In passato l'amministrazione ha investito molte risorse nel sistema di accoglienza per integrare i richiedenti asilo. Entrati in carica abbiamo in parte rivisto gli stanziamenti perché riteniamo siano eccessivi".

 

E' scritto nero su biancodocumenti ufficiali tra servizi e inviati per conoscenza anche al presidente Fugatti e all'assessore Achille Spinelli. Insomma, non ci sarebbe nulla da approfondire, la decisione sarebbe già stata presa. Non solo, la Provincia è chiamata pure a restituire l'acconto già incassato: circa 300 mila euro, cioè il 60% del finanziamento globale del progetto da 538 mila euro.

 

"I finanziamenti sono sospesi - dice il presidente - per capire come vengono utilizzati, la reale efficacia e utilità. Fatta una valutazione, assumeremo le decisioni. Se fosse dimostrato che servono, ritorneremo a prendere queste risorse. Siamo stati accusati di scarsa tolleranza e tante cose negative, ma abbiamo finanziato con risorse della Provincia i canali umanitari, siamo una delle poche Regioni, se non gli unici in Italia a farlo".

 

E questo, effettivamente, è stato comunicato anche ufficialmente. "Nel frattempo, proprio perché crediamo che la solidarietà sia un valore centrale della comunità trentina, vorrei sottolineare che nelle scorse settimane abbiamo adottato una delibera che ha impegnato 250.000 euro del bilancio provinciale per finanziare i corridoi umanitari, cioè per portare in Trentino alcune famiglie che scappano da zone di guerra. La notizia non ha avuto alcuna eco e non ci teniamo nemmeno a farle troppa pubblicità, perché se una cosa è realmente importante e utile la si fa e basta, quale che sia la provenienza dei fondi impiegati”. 

 

Insomma, sembra l'asso nella manica della Provincia a trazione Lega. Sembra quasi un rinunciamo a un milione e se serve tiriamo fuori che abbiamo stanziato risorse sui corridoi umanitari. In realtà il presidente si è limitato a confermare un provvedimento preso dalla giunta precedente e non "si vuole fare troppa pubblicitàperché magari c'è il rischio che l'elettorato non capisca

 

Ma questi progetti, oltre a occupare trentini, si rivolge anche ai residenti sul territorio, non solo i richiedenti asilo. "Valuteremo anche su questo fronte. Non cambia nulla - conclude Fugatti su Radio24 - se le risorse sono europee, nazionali e provinciali. Sono pubbliche, quindi dei cittadini e dunque bisogna valutare bene se e come impiegarle".

 

Non manca la replica dell'ex governatore Ugo Rossi: "Grave che non si dica la verità, persino di più della posizione politica di rinunciare a queste risorse, un atteggiamo che non condivido affatto perché priva di buon senso. Sarebbe bastato avesse detto che rinuncia come scritto nella lettera e che lo fa perché credono che non si debbano spendere soldi con quelle finalità". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 giugno - 13:06

La Cgil non ha approvato le linee guida perché anche in questo caso non ha partecipato l'Inail ma ha contribuito a far cambiare alcune disposizioni. Mazzacca: ''Restano alcune perplessità, tra cui la più significativa è quella legata al numero di insegnanti per bambino. La nostra proposta era quella di un rapporto più basso, fino uno a cinque. La Provincia ha proposto uno a dieci. C’è stato comunque un passo avanti”

03 giugno - 12:26

E' ripartita ufficialmente la campagna elettorale per le elezioni comunali e il candidato per il centrosinistra Franco Ianeselli ha deciso di cominciare da Cristo Re. Rapido il suo intervento, in cui ha ringraziato chi ha gestito l'emergenza in città e lanciato le proposte per far ripartire Trento dopo la chiusura forzata causa epidemia. "Vogliamo una città che sostiene i più deboli e riparte dagli investimenti". Presentata anche l'iniziativa "Un fiume di idee", per coinvolgere la cittadinanza nelle definizione delle priorità

03 giugno - 11:27

Oltre 6000 firme per chiedere il ritorno alle lezioni in classe: “Vogliamo una scuola reale basata sul rapporto umano, ciò che è servito in un momento di emergenza, come al didattica a distanza, non può diventare la normalità perché questa modalità di relazione non è reale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato