Contenuto sponsorizzato

Futura alla presidente della Cooperazione: ''Le tue parole hanno sostenuto le politiche di questa giunta leghista contro i migranti e il sistema solidale del Trentino''

Intervento critico di Cattani, Ghezzi e Coppola in merito a quanto detto (e quanto non detto quando c'era bisogno) da Marina Mattarei: ''Le donne al potere non possono ripetere certe ambiguità maschili. Dovrebbero fornire speranze di vita e di politica. E di futuro''

Di Luca Pianesi - 08 febbraio 2019 - 20:22

TRENTO. ''Perché succede tutto questo? Quale visione sorregge questa tua impostazione? Se, per accondiscendere al potente di turno, si arriva all’equidistanza come compromesso al ribasso, vuol dire rischiare di perdere la propria anima''. Domande e considerazioni rivolte alla presidente della cooperazione Marina Mattarei dai vertici di Futura (il presidente Cattani e i consiglieri provinciali Ghezzi e Coppola) dopo le parole pronunciate qualche giorno fa dalla numero uno della federazione che ha strizzato l'occhio all'attuale maggioranza di governo spiegando che ''sui migranti no alla logica manichea dei buoni che accolgono e dei cattivi che respingono- ha detto - l'accoglienza vale anche per i trentini''.

 

Frasi pronunciate che hanno provocato, tra le varie reazioni, anche la restituzione della targa dell'ex segretario della Cgil Burli alla cooperazione (QUI ARTICOLO). E poi ci sono state le tante, troppe, frasi non dette su argomenti ''sensibili'' come l'introduzione del reddito di cittadinanza solo per i residenti da più di 10 anni, vista come misura per favorire i poveri, o sulla messa in discussione di servizi di welfare che negli anni si sono mostrati molto efficienti come il progettone. Il tutto in forza di una ipotetica equidistanza che, a detta di molti, la cooperazione non dovrebbe proprio avere perché, come spiegava Burli, ''la carta dei valori della cooperazione trentina non è neutra. Tutt'altro. E' molto, molto, di parte: essere cooperatori significa essere dalla parte dei più fragili, di chi è più in difficoltà''.

 

E i vertici di Futura sono allineati con l'ex segretario della Cgil. ''Dalle tue parole - spiegano Cattani, Ghezzi e Coppola rivolgendosi a Mattarei - non emergono neutralità ed equidistanza con l’attuale Giunta provinciale, bensì spicca una inquietante 'equivicinanza' con la maggioranza leghista, con un sostanziale appoggio proprio ai provvedimenti più discussi di questi primi mesi di governo. Le tue parole hanno politicamente sostenuto, benché questa forse non fosse la tua intenzione, l’atteggiamento ostile della Giunta verso i migranti e verso il sistema solidale del Trentino, anche sul versante del lavoro. Ci aspettavamo parole diverse nei confronti di una maggioranza che più ideologica non si può. E anche più lontana dagli ideali della Cooperazione''.

 

Ecco la lettera integrale

 

Cara Marina,
utilizziamo questo tono colloquiale sia per la stima verso di te sia per l’affetto e l’attaccamento per il movimento che tu rappresenti. La Cooperazione dovrebbe essere madre ma anche amica di un’idea di Trentino a cui siamo visceralmente legati. Un’idea di apertura, solidarietà, crescita armoniosa capace di non lasciare indietro nessuno. Come vedi, sono tutti sostantivi di genere femminile. Anche per questo avevamo salutato la tua elezione alla presidenza come un segno positivo dei tempi, anzi alternativo ai tempi in cui siamo precipitati. Una donna che guida un’istituzione “femminile”. E invece no. Non è accaduto quanto speravamo.

Non vogliamo entrare nelle dinamiche interne a un organismo complesso e variegato come è la Cooperazione Trentina. Le ultime tue dichiarazioni ci hanno però sconcertato. Perché è successo questo? Dalle tue parole non emergono neutralità ed equidistanza con l’attuale Giunta provinciale, bensì spicca una inquietante “equivicinanza” con la maggioranza leghista, con un sostanziale appoggio proprio ai provvedimenti più discussi di questi primi mesi di governo. Le tue parole hanno politicamente sostenuto, benché questa forse non fosse la tua intenzione, l’atteggiamento ostile della Giunta verso i migranti e verso il sistema solidale del Trentino, anche sul versante del lavoro. Ci aspettavamo parole diverse nei confronti di una maggioranza che più ideologica non si può. E anche più lontana dagli ideali della Cooperazione.

 

Chiediamo ancora: perché succede tutto questo? Quale visione sorregge questa tua impostazione? Se, per accondiscendere al potente di turno, si arriva all’equidistanza come compromesso al ribasso, vuol dire rischiare di perdere la propria anima. Speravamo invece che con te la Cooperazione ritrovasse la sua anima, femminile, accogliente, generativa, in grado di dare alla luce prospettive nuove. Ci siamo ridotti all’omologazione, alle smentite, alle cordate per rintuzzare le giuste critiche di questi giorni.

 

Forse vuoi seguire l’atteggiamento ambiguo degli autonomisti che gridano all’attentato contro l’autonomia astenendosi (per metà del gruppo consiliare) sulla variazione di bilancio della Giunta provinciale, che contiene norme fotocopia rispetto all’attuale governo nazionale. Roma locuta, causa finita. Povera autonomia. Anche qui ci rivolgiamo in maniera colloquiale a un’altra donna: cara Paola (Demagri) perché ti sei astenuta? Perché non ti sei consultata con l’unica deputata autonomista che abbiamo, Emanuela Rossini che ha una posizione molto critica sui provvedimenti del governo Conte?

 

Noi puntiamo ancora sulle donne. La parità di genere è una caratteristica di Futura 2018. Ma le donne al potere non possono ripetere certe ambiguità maschili. Dovrebbero fornire speranze di vita e di politica. E di futuro.

 

Piergiorgio Cattani, presidente di Futura 2018
Lucia Coppola e Paolo Ghezzi, consiglieri provinciali di Futura 2018

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

23 febbraio - 11:50

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

22 febbraio - 20:00

Nei prossimi mesi anche l'Arcidiocesi di Trento aprirà un nuovo sportello contro gli abusi interni alla chiesa. Nell'ultima relazione fatta dalla diocesi di Bolzano - Bressanone i casi di abusi sessuali e violenze sono stati undici  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato