Contenuto sponsorizzato

Pd, la scissione di Renzi non scalda il Trentino. Andreatta: ''Non so quanto possa essere utile'', Ferrari: ''Ricerca di protagonismo''

Elisa Filippi, renziana doc, oggi ha spiegato di non avere dichiarazioni da fare. Tra i possibili parlamentari pronti a seguire Renzi salta fuori anche il nome della senatrice Conzatti di Forza Italia. Intanto c'è attesa per l'appuntamento di giovedì a Trento con il vicepresidente alla Camera Ettore Rosato (pronto a seguire Renzi)  

Di G.Fin - 17 settembre 2019 - 19:28

TRENTO. Non sembrano esserci nomi di spicco nel Partito Democratico Trentino pronti a prendere il volo per seguire Matteo Renzi nella nuova avventura politica. La situazione, però, è talmente in evoluzione che nessuno riesce a giurare che domani rimanga tale e quale.

 

La renziana doc per eccellenza in Trentino è sempre stata Elisa Filippi che, però, oggi ha spiegato di “non avere dichiarazioni sul tema”. “Siamo in una fase dinamica – ha detto tramite whatApp - e in via di evoluzione”.

 

Tra i nomi che più fanno discutere per una sua eventuale adesione al progetto di Renzi c'è quello di Donatella Conzatti. Eletta con Forza Italia due settimane fa ha votato la fiducia al Governo Conte Bis scatenando anche le ire dei forzisti trentini che ad un certo punto ne hanno addirittura chiesto le dimissioni. Tentativo andato a vuoto visto che la senatrice di Rovereto è andata per la sua strada. Ora, però, il suo nome sembra rientrare tra i cosiddetti 'malpancisti' che hanno avviato una riflessione importante sulla linea politica all'interno di Forza Italia.

 

“Si riflette – ha spiegato Conzatti – su come portare avanti la linea liberale, europeista e atlantista”. Non esclude la possibilità di entrare nel progetto di Renzi ma nemmeno al momento sembra avvallarlo. Di certo all'interno di Forza Italia sono in tanti a guardare alla nuova scialuppa di salvataggio alternativa a quella sovranista.

 

Intanto in casa Pd trentino c'è anche qualcuno che fortunatamente fa autocritica. E' il consigliere provinciale Luca Zeni che mette al centro il Partito Democratico ma anche le difficoltà di questi anni di dare risposte adatte ai cambiamenti della nostra società.

 

“Io sono stato uno dei fondatori del Pd del Trentino – spiega Zeni – e c'era il tema della vocazione maggioritaria che significava dare un'idea di società nel suo complesso”. Un'idea, però, che si è poi smarrita. “Abbiamo assistito ad un appiattamento delle posizioni mentre altre sono state radicalizzate. Abbiamo, per esempio, il tema della parità di genere che è stato banalizzato con il 'chiamatemi architetta' sconfinando nel ridicolo. Oppure pensiamo al tema dei profughi dove Salvini ha trovato terreno fertile anche grazie alle posizioni di una sinistra che si è definita buonista che è andata a far diventare diritti delle pretese e dando anche del fascista a Minniti”.

 

La riflessione lanciata ora da Luca Zeni è chiara. “Il Partito Democratico può scegliere di andare a sinistra lasciando libero il centro. In questo caso io credo terminerà la sua esistenza. Oppure questi nuovi movimenti potrebbero magari innescare una riflessione interna per trovare nuovi schemi e nuove chiavi di lettura per una società che evolve e che richiede nuove risposte”.

 

A non “drammatizzare troppo” è invece la consigliera provinciale Sara Ferrari. “La cosa non nasce ora – spiega – perché tutti sappiamo che è nell'aria da diverso tempo. Io credo che possa finalmente togliere un po' di tensione all'interno del Partito Democratico che in questo momento è al governo ed ha bisogno di serenità e compattezza per lavorare”.

 

Per Ferrari quella di Renzi “è un'operazione più interessata al protagonismo personale che al bene complessivo del Paese. Tra l'altro nelle linee non vedo differenze rispetto a quelle del Partito Democratico”. Da censurare, secondo la consigliera provinciale, sono però i tempi.

 

Tempi che vengono considerati sbagliati anche dal sindaco di Trento Alessandro Andreatta.

 

“E' da un po' - spiega Andreatta - che si parla della volontà di Renzi di lasciare il partito e di fatto costruirne un altro. Io pensavo francamente che non arrivasse ad una vera volontà di uscire dal Pd. Quello che considero piuttosto curioso è però il momento. Che si passi ora, dopo la crisi di governo e immediatamente dopo aver individuato una nuova maggioranza, ad una scelta simile è di lettura difficile”.

 

Per il sindaco la decisione di lasciare il Partito Democratico per creare una nuova formazione poteva essere fatta prima oppure attendere. “Siamo in un momento delicato e i partiti che sostengono il governo hanno bisogno di stare compatti e di dedicare energie e forze alla guida del Paese. Mi sembra non di molto aiuto quello che ha fatto Renzi”.

 

La preoccupazione di Andreatta è che una simile scelta vada a creare ulteriori problemi che andrebbero ad aggiungersi a quelli che già ci sono. “Non so come una mossa del genere possa essere davvero utile. Mi auguro che questa scelta non vada a porre problemi aggiuntivi ad un governo che si deve concentrare sulle cose da fare. No vorrei diventasse una sorta di distrazione politica in un momento in cui coalizione attorno a Conte deve essere compatta”.

 

In merito all'incontro che si terrà giovedì a Trento con il vicepresidente della Camera Ettore Rosato, intenzionato a seguire Renzi nel su nuovo progetto, Andreatta ha spiegato di voler attendere le prossime ore per capire meglio la situazione. “Se partecipare all'incontro vuol dire avvallare il fatto che qualcuno lasci il partito per un'altra cosa e a parlarci viene non più un uomo del Pd ma altro allora partecipare sarebbe incomprensibile”.

 

Non sembra essere preoccupato, invece, Paolo Serra capogruppo del Pd in Comune a Trento. “Quando qualcuno lascia il partito è sempre un dispiacere – spiega – ma stiamo vedendo anche che il Pd è un vero e proprio vulcano di idee visto le proposte per il paese che continuano a nascere. Io auguro a tutti buon lavoro. Magari proprio questo nuovi movimenti riusciranno ad intercettare una certa fascia di elettorato che ancora lontana dai partiti o dalla politica”.

 

A chiedere ora “chiarezza” è la consigliera comunale Elisabetta Bozzarelli. “Attendiamo di vedere chi parteciperà all'incontro di giovedì con Rosato perché è arrivato il momento di parlarsi in maniera chiara”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

17 ottobre - 19:31

L'ex assessore Luca Zeni interroga il governo provinciale dopo le parole di Vittorio Sgarbi a "L'aria che tira", il programma condotto da Myrta Merlino su La7. Nel mirino anche le affermazioni sul bilinguismo a Bolzano: "Ha detto che gli altoatesini sono i terroni del Tirolo e ha chiesto quale la motivazione nel definirli Alto Adige"

18 ottobre - 11:08

Ieri pomeriggio il ragazzo era alla guida del suo furgone quando ad un certo punto è finito contro un tir che lo precedeva. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato