Contenuto sponsorizzato

Polizia locale, sport e commercio: c'è l'ok della Commissione speciale alla redistribuzione delle competenze. Urzì: ''Come cantare il De profundis della Regione''

Il consigliere de L'Alto Adige nel cuore critica il parere positivo al disegno di legge di riforma costituzionale presentato al Senato da Durnwalder, Steger e Unterberger

Pubblicato il - 26 marzo 2019 - 20:41

BOLZANO. La Commissione speciale per l'esame delle proposte di modifica dello statuto d'autonomia in consiglio provinciale di Bolzano ha dato parere positivo a tre disegni di legge costituzionale, tra cui quello che prevede la trasformazione di alcune competenze secondarie in esclusive. Un passaggio accolto criticamente dal consigliere Alessandro Urzì (L'Alto Adige nel cuore/Fratelli d'Italia): "Questa mattina - dice -  si è cantato il De profundis per la Regione Trentino Alto Adige".

 

 

Sotto la lente della Commissione guidata da Lanz erano in particolare tre disegni di legge costituzionale, votati separatamente tutti tre con parere positivo. Uno (il 29/18) riguardava "l'intesa con la Provincia in caso di modifica dello statuto" ed ha ottenuto 32 sì e un no, quello di Urzì. Un altro ddl (542/18) riguardava "l'assunzione delle competenze su ambiente ed ecosistema" ed è passato al vaglio della Commissione con 27 pareri favorevoli, cinque negativi (di Dello Sbarba, Nicolini e Urzì) e un'astensione (Repetto).

 

Il focus di Urzì è invece sul terzo disegno, il 35/18 sulla "trasformazione di competenze secondarie in esclusive", che ha avuto 19 sì (tra cui quelli di Lanz e Mattei), sei no (Dello Sbarba, Repetto, Nicolini e Urzì) e otto astensioni (Köllensperger e Leiter Reber).

 

"Sferzante la sfida ai colleghi leghisti trentini - commenta il consigliere de L'Alto Adige nel cuore Urzì - sì alla abolizione de facto della Regione e quindi della collaborazione in una medesima istituzione con Trento. Semplicemente grazie ad un passaggio che prevede la cessione di tutte le competenze dalla Regione alle Province. Il giorno dopo l'approvazione di questa norma sarebbe possibile chiudere la Regione, proprio mentre la Lega del Trentino ha annunciato invece la volontà di valorizzarla".

 

"Il voto a favore di tutto questo (e altro ancora) - prosegue - è arrivato nell'approvazione da parte di Lega e Svp di un parere sul disegno di legge costituzionale numero 35 presentato al Senato da Durnwalder, Steger e Unterberger. Un provvedimento che se mai approvato comporterebbe un ridisegno delle competenze fra Bolzano, Trento e Roma allontanando definitivamente l'Alto Adige in tutta una serie di materie dal quadro regionale ma anche nazionale. Per esempio su polizia locale provinciale e competenza ordinamentale sullo sport oggi in mano allo Stato. È infatti scattato un sonoro sì proprio alla "secessione" di tutto l'ordinamento sportivo dal sistema nazionale. Tradotto: potrebbe significare "basta maglia azzurra" in provincia di Bolzano per gli atleti locali. E autonomia anche nella scelta di in che forma e con chi partecipare a tornei o campionati".

 

"Non ho potuto nascondere il mio sbalordimento per una scelta tanto azzardata, presa in modo estremamente superficiale" commenta sempre il consigliere. Che parla di uno "strappo anche sulla richiesta di una polizia provinciale" ("Nel passato esisteva una generica competenza su una polizia "urbana o rurale", adesso la si immagina "polizia locale provinciale" e basta, comandata da Kompatscher, magari affidata agli Schuetzen verrebbe da temere" dice) e che paventa una eventuale "competenza assoluta della Provincia di Bolzano in materia di commercio (e anche di orari dei negozi)". "Chiusi per esempio al fine settimana. Tutti a Verona a fare la spesa grande o lo shopping. La domenica a casa per legge".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato