Contenuto sponsorizzato

"Siamo stanchi di trovarci attorno spacciatori, qui c'è anche una scuola'', gli esercenti di via Madruzzo alzano la voce contro la droga

Da circa un mese la zona nelle ore pomeridiane sembra essere diventato punto di incontro per diversi spacciatori. "Spacciano all'uscita da scuola degli studenti e continuano fino a sera. Così non possiamo lavorare" spiegano alcuni titolari di attività economiche della zona

Di gf - 13 aprile 2019 - 23:39

TRENTO. “Siamo stanchi e non vogliamo che questa zona diventi ancora una volta un luogo di spaccio. Siamo vicini anche ad una scuola”. Alcune attività commerciali che si trovano prossimità di via XXIV Maggio, via Endrici, via e vicolo Madruzzo hanno deciso di lanciare l'allarme per l'aumento dello spaccio nella zona.

 

Un continuo scambio di sostanze stupefacenti fatto alla luce del sole che, secondo quanto raccontano gli esercenti della zona, sono aumentate nell'ultimo mese. “Ci sono delle persone – spiegano – che si posizionano lungo le vie, fanno da 'palo' e attendono altri per consegnare la sostanza. Non hanno paura di essere visti e rimangono in zona dalle prime ore del pomeriggio fino a sera”.

 

Un mercato all'aperto della droga che non conosce età e che preoccupa soprattutto per la vicinanza con il liceo da Vinci. “Arrivano proprio quando escono da scuola i ragazzi – spiegano – e pur non avendo mai visto alcun contatto con gli studenti, la situazione di vicinanza di questo spaccio, dovrebbe far perlomeno alzare la soglia di attenzione”.

 

Alcuni esercenti sono arrivati addirittura a fotografare i vari momenti di scambio delle sostanze che spesso vengono nascoste nelle fioriere oppure nei lati dei piccoli giardini che si trovano nelle vicinanze.

 

“Già in passato la zona era stata colpita da questo spaccio – spiegano i negozianti – ed ora il problema si ripete. Non vogliamo ritrovarci nella stessa situazione di un tempo di spaccio e di conseguente insicurezza”.

 

In diverse occasioni sono state avvisate anche le forze dell'ordine ma lo spaccio continua senza sosta. “Servono controlli – concludono gli operatori economici – perché non possiamo continuare a lavorare vedendo quello che di grave sta accadendo fuori dalla porta dei nostri negozi”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 ottobre - 06:01

La piaga riguarda soprattutto persone dai 45 ai 54 anni ma negli ultimi anni sono aumentati notevolmente i giovani. Il Trentino Alto Adige è una delle regioni più colpite in Italia. Da qualche settimana è arrivata sul nostro territorio una sede dell'Osservatorio violenza e suicidio che è già presente in quasi tutti le regioni italiane. A breve a Trento il congresso dal titolo “Blue Whale e la prevenzione dei rischi suicidari” 

13 ottobre - 19:39

Nei punti del governo giallo-rosso c'è anche l'eliminazione del contante a favore dei pagamenti con moneta elettronica. L'Italia è infatti fanalino di coda in questo campo, nonostante il più alto numero di terminali Pos d'Europa. L'economista Cerea: "Non si capisce che pagare in contanti è più rischioso ed oneroso". E c'è chi si oppone perché gli anziani non sarebbero in grado di adattarsi all'innovazione

13 ottobre - 14:36

L'ingegnera Arianna Minoretti, originaria di Como, ingegnera della Norwegian Public Roads Administration in un incontro pubblico ha confermato la fattibilità del progetto. Servirebbe per collegare la ciclabile Riva con Limone e permetterebbe di risolvere diversi punti critici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato