Contenuto sponsorizzato

Spopola #anchioattivista: tanti i cittadini solidali con le insegnanti di educazione di genere

Dopo l'attacco del consigliere Cia che ha invitato gli utenti a prendere visione dei profili Facebook delle formatrici che avevano chiesto un dialogo alla politica, in tanti stanno esprimendo la loro solidarietà utilizzando questo hashtag e per farlo vale tutto 

Di Luca Pianesi - 07 gennaio 2019 - 13:52

TRENTO. Si chiama #anchioattivista ed è un hashtag che sta spopolando sia su Facebook che su Instagram. Tante le persone che lo stanno postando assieme a foto di ogni tipo. Si va da ''ho una casa piena di libri #anchioattivista'' al ''anche io ho partecipato al DolomitiPride, lo ammetto, #ancheioattivista''. C'è chi spiega che dopo la Befana ''da anni disfo il presepe, #anchioattivista'' a ''io faccio l'orto, #anchioattivista'' e ''vado a teatro e mi piace la musica #anchioattivista''.

 

Insomma c'è una parte di cittadinanza che ''resiste'' agli attacchi dell'attuale maggioranza e si schiera dalla parte delle formatrici che fino a ieri si occupavano dell'educazione di genere. Fino a ieri, perché il 28 dicembre l'assessora Segnana ha mandato una circolare per sospendere i corsi ''perché si ritiene necessario verificare la piena coerenza dei contenuti educativi dei percorsi con le aspettative delle famiglie rispetto ai valori che la nuova giunta intende perseguire". La Lega, infatti, in queste ore si scopre terrorizzata dalla fantomatica ''teoria del gender'' (la capogruppo in consiglio provinciale Dalzocchio tra l'altro ha spiegato perfettamente il pensiero dell'attuale maggioranza che non concepisce ''terza vie'' a maschio e femmina, a papà e mamma) teoria tanto scientifica quanto le scie chimiche o quanto l'idea che l'uomo non sia mai andato sulla luna, ma che trova il sostegno anche di consiglieri di maggioranza come Claudio Cia. 

 

Proprio Cia ha invitato ad andare a visionare i profili personali delle sei formatrici che hanno chiesto all'assessora di incontrarle per farsi spiegare cosa realmente fanno (e quindi si parla di prevenzione alla violenza di genere e al bullismo e si riflette sulla disparità tra uomo e donna nel mercato del lavoro e altro QUI APPROFONDIMENTO) spiegando che ''si può notare che ci troviamo di fronte a dei veri e propri attivisti politici che promuovono pensieri fuorvianti capaci di minare l’equilibrio dei nostri ragazzi''. Si tratta di post (tra l'altro datatissimi QUI ARTICOLO) che riguardano il Dolomiti Pride, spettacoli teatrali, uno sulla campionessa Paola Egonu e sullo ius soli.

 

 

Insomma dei post scritti in italiano corrente che denotano un bel livello culturale e che riescono ad esternare un pensiero che va al di là dei selfie mentre si mangia o le foto di alimenti e gattini. Ed è proprio per questo, per l'assurdità dell'attacco a delle semplici cittadine che alla politica hanno chiesto di dialogare e che hanno avuto come riposta, da Cia, quella che è stata definita una ''caccia alle streghe'', che in tanti si stanno organizzando per usare l'hashtag #anchioattivista. Basta leggere, fare una qualsiasi attività ricreativa, lavorare, giocare con i propri bambini, aver partecipato ad un'opera teatrale o essere stato tra i 10.000 che hanno sfilato al Dolomiti Pride. Insomma, vale tutto per essere #anchioattivista. Perché la solidarietà non ha confini e come scrive una ragazza: ''Ma se insegnare a scuola, esibirsi come musicista e andare a teatro sono considerati gesti sovversivi, attivisti non lo siamo tutti? #anchioattivista''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato