Contenuto sponsorizzato

Comunali. Sgurelli (Lega) lancia la sfida: "Confronto dove e quando volete". Bozzarelli (Pd): ''Tempo di misurare i perimetri valoriali''

Negli spazi liberi dal coronavirus, la campagna elettorale in vista delle elezioni di maggio procede, non senza stoccate. Alla consigliera del Pd Elisabetta Bozzarelli che ironizza sulla "latitanza" del candidato Baracetti, il consigliere circoscrizionale della Lega risponde con fermezza. Il tutto per un'affascinante suggestione: un confronto nella redazione de ildolomiti.it

Di Davide Leveghi - 03 marzo 2020 - 19:39

TRENTO. In una situazione piuttosto caotica, causa epidemia, anche fare campagna elettorale ha le sue difficoltà. L'ordinanza della Provincia, con cui settimana scorsa si erano sospesi gli incontri negli spazi chiusi per evitare potenziali trasmissioni del virus, è venuta meno, in attesa di capire quali saranno gli sviluppi alla luce degli ultimi casi annunciati sul territorio trentino.

 

Tra annullamenti vari e rinvii, la campagna elettorale si gioca così in un campo sempre più accidentato, ma le frecciate tra i due schieramenti principali non mancano nemmeno ora. A lanciarla questa volta è la consigliera comunale di maggioranza Elisabetta Bozzarelli, che alla domanda dei giornalisti al suo incontro al Circolino di Piazza Venezia sulle difficoltà di condurre la campagna elettorale ai tempi del coronavirus, non ha risparmiato una sarcastica risposta sulla “latitanza” del principale avversario del centrosinistra guidato da Franco Ianeselli, Alessandro Baracetti.

 

Non vorrei che la questione del coronavirus sia una scusa che maschera una mancanza di proposta – ha dichiarato la consigliera del Partito democratico – i temi di confronto sono tanti, non solo la sicurezza. Nonostante le restrizioni pubbliche per il virus, infatti, i confronti possono avvenire in molti modi, sperimentando formule diverse. Franco (Ianeselli, ndA) sta usando molto i social network, ad esempio”.

 

Lanciata come una semplice battuta, la frase della consigliera ha trovato però nello schieramento opposto una reazione piuttosto infastidita. A manifestarla per primo è stato il consigliere circoscrizionale leghista dell'Argentario Massimo Sgurelli che, raggiunto dalla nostra redazione per telefono, ha invitato Bozzarelli ad “informarsi meglio”. “La consigliera farebbe bene a informarsi meglio per non dire sciocchezze del genere – ha commentato – specie in una situazione di emergenza. La Lega c'è sempre stata e come quando vuole è disponibile a confrontarsi”.

 

Nel suo ruolo di consigliere circoscrizionale nella zona dell'Argentario, Sgurelli ha lavorato infatti su temi a suo modo di vedere negletti dalla giunta comunale di centrosinistra, su tutti proprio quella sicurezza di cui tanto si parla, anche a sproposito (si veda la fake news ripresa e non smentita proprio dallo stesso Baracetti su una rissa che avrebbe coinvolto in Port'Aquila “30 africani”).

 

“Come consigliere in Argentario – continua – ho portato all'attenzione come anche questa zona della città fosse 'sotto attacco' dei ladri. Sulla sicurezza, inoltre, ho deposto ben 3 interrogazioni, in riferimento ai casi di aggressione avvenuti nel parcheggio del parco di Martignano. Quando il centrosinistra scopre che la sicurezza è un problema, io dico 'ben svegliati'. La Lega lo sostiene da anni, mentre in città non è stato fatto niente. Inoltre ho lavorato sulle infrastrutture, dove non si è fatto niente, e sulla stretta di Martignano, che secondo me necessiterebbe, visti i molti studenti che passano, di un nonno vigile”.

 

Tutti temi, più o meno, spendibili per un possibile confronto. Un confronto che lo stesso Sgurelli rilancia: “Io sono un gentiluomo e lascio decidere alla consigliera quando e dove vuole confrontarsi, con me e con il candidato Alessandro Baracetti”.

 

L'invito è stato accettato dalla stessa Bozzarelli, resasi disponibile a un faccia faccia pure nella nostra redazione. “Io stessa per ragioni di salute pubblica mi sono vista costretta a rinviare un incontro – conclude – questa infatti viene prima di tutto. Rimane il fatto che noi abbiamo voglia di confronto, e nel limite del possibile lo faremo. Per ripresentarsi alle elezioni considero necessario infatti raccontare il lavoro fatto nella legislatura precedente. È tempo di misurare i perimetri valoriali”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato