Contenuto sponsorizzato

Comunali Trento, il programma di Forza Italia: da una metropolitana per l'aeroporto di Verona ad un nuovo hotel 5 Stelle. Baracetti: ''Sereno, coalizione compatta''

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

Di G.Fin - 08 luglio 2020 - 13:32

TRENTO. “Siamo compatti e uniti, per far cambiare marcia alla città di Trento. Dopo anni di centrosinistra e di tante problematiche e richieste di aiuto rimaste inascoltate ora serve una svolta”. Il candidato sindaco del centrodestra, Alessandro Baracetti, si dice “sereno e con il vigore di sempre” per dare a Trento “una visione politica diversa da quello che si è vista fino ad ora”. Lo fa alla presentazione del programma di Forza Italia che è avvenuta questa mattina contestuale alla presentazione del nuovo commissario per il Trentino del partito di Berlusconi, Ettore Zampicolli, dopo l'addio dal ruolo di Maurizio Perego. Presenti, oltre a Zampiccoli, anche il coordinatore Leonardi e Gabriella Maffioletti

 

“Noi sosteniamo convintamente Baracetti – ha spiegato il coordinatore regionale Giorgio Leonardi - perché lo abbiamo sempre considerato il miglior candidato”. Sulla nuova riorganizzazione di Forza Italia Leonardi ha ribadito di “aver portato avanti una grande opera di tesseramento su tutto il territorio e tutti assieme stiamo lavorando nella direzione giusta”.

Il programma presentato da Forza Italia si può riassumere in dieci punti che vanno da un nuovo piano per una mobilità sostenibile, un piano commerciale per il rilancio delle attività economiche, la lotta alla burocrazia sia in aiuto delle imprese che delle famiglie ma anche un nuovo welfare per chi si trova in difficoltà, nuovi spazi per la cultura, il recupero di alcune aree della città che negli anni sono state abbandonate fino ad arrivare a nuove proposte per i giovani e il mondo universitario.

 

Tra i punti anche un tema caldo che si sta dibattendo in questi giorni, quello di Trento città turistica. Se da un lato la Provincia, governata dal centrodestra, ha identificato la città capoluogo come non turistica, non facendola rientrare in questo modo in quelle zone dove è stato dato il via libera per l'apertura dei negozi nei giorni festivi, Forza Italia, invece, nel programma punta a “Trento città turistica, universitaria e della ricerca”, lanciando anche l'idea di “un hotel a 5 stelle” in città ma anche b&b a Trento sud per favorire un certo tipo di turismo a nell'area agricola.

 

Per quanto riguarda Trento, “città sicura e solidale” invece, cultura e bellezza per Forza Italia dovranno essere i due leit motiv per accompagnare la crescita del territorio. Si chiede di “contenere l'espansione demografica della città” decelerando la costruzione di nuove case ma recuperando l'esistente. Viene poi richiamata la fattibilità dell'interramento della ferrovia del Brennero ma anche quello per una metropolitana veloce fra aeroporto di Verona – Rovereto e Trento per garantire i collegamenti rapidi con il Veneto.

 

In tema di politiche sociali Forza Italia punta sulla famiglia che “deve essere posta al centro dell'azione governativa”. In temi di asili pubblici e privati occorre intervenire affinché offrano orari più elastici e rette anche più basse, implementando l'offerta di Tagesmutter. Occorre abbattere i tempi di attesa per l'edilizia abitativa pubblica e rivedere l'intero sistema di assegnazione degli appartamenti Itea. “Va inoltre abolito lo strumento dell'Icef – spiega Forza Italia nel programma – perché si è dimostrato fallace e che ha favorito maggiormente risorse a famiglie straniere e immigrate”. Una politica-casa che vada anche incontro, infine, alle esigenze dei giovani e delle giovani coppie.

 

Il candidato sindaco del centrodestra per il Comune di Trento, Alessandro Baracetti, nel suo intervento si è detto “sereno” dopo le acque agitate dei giorni scorsi nella coalizione che lo sostiene. “La coalizione – ha spiegato – sta andando avanti in maniera compatta. Le fibrillazioni che ci sono state hanno riguardato solo dinamiche interne dei singoli partiti”.

 

Baracetti ha poi concluso che occorre “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”.

 

 

QUI L'INTERO PROGRAMMA

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 13:33

Sono ancora molte le incertezze per il comparto scolastico a quasi un mese dalla riapertura degli istituti, ora si aggiunge un'ulteriore criticità. Se la situazione epidemiologica a settembre fosse quella di oggi, la Provincia potrebbe firmare un'ordinanza per risolvere la questione e portare la capienza al 100%. Fugatti: "Tema da affrontare in Conferenza Stato-Regioni"

07 agosto - 13:51
Un incidente pauroso alle 5 di questa mattina, venerdì 7 agosto, in A22 tra i caselli di Rovereto sud e Ala-Avio. Fortunatamente la famiglia rimasta coinvolta in questo episodio non è in pericolo di vita, anche se sono stati trasferiti all'ospedale di Rovereto per accertamenti e approfondimenti
07 agosto - 13:00

E' successo questa mattina presto a Cassone sul Garda. La macchina non riusciva più a ripartire perché le ruote scivolavano sul ghiaino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato