Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, figli in isolamento? In Alto Adige la retta la paga la Provincia e allo Stato chiesto di garantire il 100% di stipendio con il congedo parentale

La Provincia di Bolzano anticipa i problemi che stanno emergendo ed emergeranno sempre di più nei prossimi mesi con l'arrivo dei malanni di stagione. Già operativo il primo provvedimento, intanto Kompatscher e Deeg hanno messo sul tavolo della Conferenza delle Regioni il tema dei genitori che debbono restare a casa con i figli in quarantena: per loro o smart working o congedo parentale 

Di Marianna Malpaga - 29 settembre 2020 - 19:48

BOLZANO. Come si deve comportare un genitore nel caso in cui suo figlio venga messo in quarantena? L’attualità del quesito è stringente: vengono trovati focolai di Covid-19 all’interno di scuole e asili quasi quotidianamente, e si può immaginare che con l’arrivo dell’autunno aumenteranno le incertezze per la difficoltà di distinguere l’influenza stagionale dal Coronavirus.

 

In Trentino, Cgil, Cisl e Uil chiedono test sierologici più rapidi e affidabili. Finora, infatti, il tempo d’attesa per conoscere l’esito di un tampone è variabile: nel caso della famiglia della Valsugana contattata da Il Dolomiti, ci sono voluti cinque giorni per avere i risultati del tampone fatto alla figlia, e nel frattempo tutta la famiglia è rimasta a casa per una settimana.

 

In Alto Adige, invece, sono state presentate delle proposte da parte dell’assessora provinciale alla famiglia Waltraud Deeg per rafforzare il sostegno alle famiglie. In una recente seduta della Conferenza delle Regioni, il Presidente della Provincia Arno Kompatscher e l’assessora Deeg hanno proposto la modifica del Decreto legge 111, che è stata approvata sia dalle Regioni che dal Governo, chiedendo che sia possibile per il genitore scegliere tra smart working e congedi parentali nel caso in cui un figlio venisse messo in quarantena. L’opzione è stata stabilita dal Governo a inizio settembre, ma Deeg asserisce che “attualmente quest’opportunità di scelta non viene riconosciuta ai genitori e la decisione demandata al datore di lavoro”. “In questo modo – aggiunge l’assessora -, soprattutto per quanto riguarda i bambini in età scolare, ci troviamo di fronte alla stessa situazione verificatasi in primavera”.

 

Inoltre, Kompatscher e Deeg hanno chiesto che in caso di congedo parentale la retribuzione sia prevista al 100% dello stipendio e non al 50%, come stabilito sinora, con una copertura completa dei contributi facoltativi. “L’assistenza ai minori – afferma l’assessora – non deve essere considerata una questione secondaria e non deve avere ripercussioni negative sulla carriera lavorativa dei genitori. Con queste proposte di modifica veniamo incontro ad alcune importanti richieste espresse dai genitori”. La richiesta dovrà essere esaminata proprio in questi giorni dalla Commissione legislativa e, successivamente, dal Senato.

 

Un’altra proposta dell’assessora Deeg è stata approvata oggi, martedì 29 settembre, dalla Giunta provinciale di Bolzano, e prevede che le spese di compartecipazione tariffaria delle famiglie ai servizi alla prima infanzia siano a carico della Provincia (con la compartecipazione dei Comuni e delle aziende) durante tutto il periodo di sospensione obbligatoria per quarantena degli asili nido. “Un’assenza per quarantena – spiega l’assessora – è una misura di tutela che va a vantaggio di tutta la società. Per questa ragione non devono quindi essere penalizzati economicamente né le famiglie né i gestori dei servizi”.

 

Finora fortunatamente non si è verificato nessun caso positivo nei 14 asili nido, nelle 92 microstrutture e nelle 220 Tagesmütter. Intanto, però, la misura c’è e non è poca cosa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato